Testimonianza di famiglia cristiana

commenti Commenti disabilitati
di , 18 dicembre 2014

 Quando il Don ci ha chiesto di preparare una testimonianza sulla nostra famiglia, ci siamo guardati, un po’  imbarazzati e perplessi, non sapendo bene da che parte cominciare… ma questo smarrimento è durato poco, giusto il  tempo di raccogliere le idee: noi, infatti, sappiamo bene come tutto è iniziato… Anche a costo di risultare scontati o  banali, dobbiamo dire che tutto è iniziato da un incontro d’amore che, passo dopo passo, ci ha cambiato la vita.  Abbiamo sperimentato l’amore di Dio nel nostro matrimonio… e questo ci ha toccato i cuori. Di fronte ai test di  gravidanza falliti abbiamo scelto di lasciar fare al Signore. Di fronte alla paura ci siamo stretti a Gesù. Abbiamo  pregato Maria, l’abbiamo cercata… lei ci ha aiutato ad aprire il cuore e ci ha accompagnato costantemente in questi  anni di cammino. Ci ha aiutato a trovare quella pace tanto anelata dai nostri spiriti inquieti e insoddisfatti, quella pace che solo Dio poteva donarci. Tante persone ci hanno sostenuto e continuano a farlo, tanti hanno pregato per noi… la vita è andata avanti, con il suo consueto passo affrettato, scandito dai tanti impegni. E al momento giusto, quello che solo Lui poteva conoscere, abbiamo accolto Mario Antonio, il figlio che, da sempre, Egli aveva pensato per noi.

Francesca e Alessandro

Giovanni, il testimone della luce

commenti Commenti disabilitati
di , 15 dicembre 2014

b58e7fd7a40a7275abaa085ba2a2243d  14 dicembre III domenica di Avvento, annata B  (Gv 1,6-8.19-28)

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare t    estimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: “Tu, chi sei? “. Egli confessò e non negò. Confessò: “Io non sono il Cristo”. Allora gli chiesero: “Chi sei, dunque? Sei tu Elia? “. “Non lo sono”, disse. “Sei tu il profeta? “. “No”, rispose. Gli dissero allora: “Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso? “. Rispose: “Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaia”. Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: “Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta? “. Giovanni rispose loro: “Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo”.

Prosegui la lettura 'Giovanni, il testimone della luce'»

Viaggiare come “servitore” di Dio.

commenti Commenti disabilitati
di , 13 dicembre 2014

images.jpg don eustachioIl Signore sia con Te, caro don Alessandro!
Ringrazio Dio per tutto! Vi ringrazio, Te e tutti di Murano per Tutto! Eccomi a voi! Proseguo il mio  cammino come “servitore inutile, ma… contento”! Ho incominciato a rivolgere il mio “servizio” nella  parrocchia di Sant Eugenio di Kipako nella diocesi di Kisantu. La parrocchia é distante dal Duomo  circa 45 Km su una strada poco buona, venti chilometri di questa strada sono veramente “brutti”  (disastrati). La parrocchia è composta da quindici comunità ecclesiali separate da tanti km ognuna: la  piú lontana é 75 km dove non ci sono le strade perché distrutte per le piogge. Per andar a trovare i  nostri bambini a Kisantu, ho da fare 45 km. Per raggiunger il Seminario Maggiore invece, devo fare 65  km. Per visitare i bambini e i ragazzi a casa “Gocce di Speranza” a Kinshasa, sono 175 Km. Tutti questi viaggi, li faccio con la mia moto! Ho conservato con me tante foto souvenir, ma la rete internet, qui da noi, costa tanto, quindi non posso spedirtele! Confido nell’aiuto del Padre misericordioso, e preghiamo il Signore che illumini i nostri cuori, per il bene di tutti e della Chiesa intera. Vi ricordo sempre nella preghiera! Saluto tutti! Con affetto e amicizia.

Don Eustachio

Il coraggio di servire

commenti Commenti disabilitati
di , 10 dicembre 2014

images.jpg pillolaCoraggio e servizio sono due parole che mi portano a pensare in grande; penso agli eroi, ad esempio, e me le immagino stampate a caratteri cubitali nelle prime pagine dei quotidiani e delle riviste. Eppure, unite assieme, mi trasmettono un senso di umiltà che si trova solo nei gesti piccoli, inaspettati, nascosti… Servizio non è solo soddisfare gli altri dove ne hanno bisogno o compiere il proprio dovere perché ci si sente obbligati da qualcosa; servire, per me, non è metterci la faccia ma metterci prima di tutto il cuore. “Coraggio di servire” infatti, vuol dire “mettere il cuore nell’aiutare gli altri”, ed è quel cuore che fa la differenza. Rivivendo le mie esperienze di servizio mi accorgo che tendere la mano con coraggio è una difficile sfida con sé stessi. Superare questa sfida però, ti lascia dentro qualcosa in più, qualcosa come un sorriso o un abbraccio, e non lo dimenticherai mai.

Omelia di S.E.R. Card. Angelo Scola, Arcivescovo di Milano

commenti Commenti disabilitati
di , 9 dicembre 2014

Basilica di Sant’Ambrogio, Milano, 7 dicembre 2014

1.Dio ci sorprende

Dio, ripete spesso Papa Francesco, ci sorprende sempre. La vita di Sant’Ambrogio ne è un esempio clamoroso.  Un’improvvisa acclamazione di popolo lo costrinse, mentre era un brillante funzionario della Roma imperiale (tral’ltro non ancora battezzato) ad interrompere la sua promettente carriera politica e a dedicarsi totalmente a Dio e ai  fratelli nel ministero episcopale. Così fu anche per san Paolo: «Io sono divenuto ministro secondo il dono della grazia  di Dio, che mi è stata concessa secondo l’efficacia della sua potenza» (Epistola, Ef 3,7).

Ambrogio si arrese a Dio solo dopo una strenua resistenza. Molti anni dopo in una commovente preghiera così si rivolgerà al Signore: «Adesso custodisci il dono che tu allora mi hai fatto nonostante le mie ripulse» (Ambrogio, De paenitentia). La vita è vocazione; e dalla totalità del nostro sì a Colui che ci ama e ci chiama dipende la nostra umana felicità e riuscita.

Prosegui la lettura 'Omelia di S.E.R. Card. Angelo Scola, Arcivescovo di Milano'»

Maria immacolata “donna eucaristica”

commenti Commenti disabilitati
di , 7 dicembre 2014

DSC_0084In preparazione alla festa dell’Immacolata si è svolto ieri presso il centro pastorale diocesano “Card. Urbani di Zelarino” l’incontro prenatalizio formativo per i ministri straordinari della comunione. Tenendo conto della vicinanza di questa solennità mariana il tema dell’incontro è stato “Maria donna eucaristica” e l’animatore nonchè direttore dell’ufficio liturgico mons. Orlando Barbaro ha sviluppato a tutti i presenti lo stretto “rapporto tra Maria e l’Eucarestia” citando alcuni passaggi dell’enciclica di papa S.Giovanni Paolo II intitolata “Ecclesia de Eucaristia”. Nella sua esposizione mons. Barbaro ci ha parlato di “Eucarestia come dono e chiamata” che deve essere accolto, vissuto, testimoniato e donato a sua volta alla comunita’cristiana. in Maria questi atteggiamenti si sono pienamente realizzati e compiuti con il suo “si” e con il suo “eccomi al Signore” diventando attraverso il piano di dio “tabernacolo della sua presenza”. questo “tabernacolo della presenza di dio” non è stato solo un privilegio riservato a maria nel “mistero dell’incarnazione divina, ma in virtù del Battesimo e della grazia dello Spirito Santo è “parte integrante della vita di ogni cristiano” che come dice S.Paolo è “tempio dello spirito e dimora dell’Eterno”. Portare Gesù nella vita quotidiana dunque, non è solo nutrirsi del pane eucaristico ma bensì come lo fu per Maria permeare tutta la nostra esistenza alla luce della Parola, dell’accoglienza del servizio e della testimonianza. Il compito che nelle nostre nostre comunità parrocchiali viene affidato ai “ministri straordinari della comunione” deve far trasparire questa particolare “vocazione alla sequela e al servizio di Cristo”.

P1040113N°21 P1040118 N°5

Essere ministri dell’Eucarestia non è un “particolare privilegio riservato a pochi” ma una maniera concreta di vivere la vocazione di discepoli e servi del Signore. Sull’esempio della Vergine Madre, deve trasparire il nostro stretto legame con colui che viene affidato alle nostre mani perchè venga “donato e offerto ai fratelli” e con lui, come per Maria, questo è possibile se in quel “donarlo” ci siamo anche noi con tutta la nostra vita e con tutto il nostro amore.

 

Murano ha festeggiato S.Nicolò, Patrono dei vetrai

commenti Commenti disabilitati
di , 6 dicembre 2014

DSC_0795 (2) DSC_0137 - Copia DSC_0211

Anche se la Crisi Economica internazionale da anni sta mettendo “in ginocchio” il Comparto della Vetraria, la Comunità Cristiana dell’Isola si e ritrovata ieri sera presso la Chiesa Parrocchiale di S.Pietro Martire per Celebrare nel segno della “fede e della speranza” la Festa di S.Nicolò Patrono dellArte Vetraria Muranese. In un clima di gioia e di preghiera adulti e bambini hanno accolto sua Eccellenza Mons. Dino De Antoni, Vescovo Emerito di Gorizia che su invito del Parroco Don Alessandrto Rosin ha Presieduto l’Eucarestia Concelebrata dal Parroco e due Sacerdoti Muranesi Don Umberto Bertola e Padre Giancarlo Lazzarini. Mons Dino sottolineando nella sua omelia le “virtù e le doti” di S.Nicola Vescovo di Mira ha voluto affermare a tutti noi che la Fede e la Carità vissute nell’ottica “dell’amore e del servizio ai fratelli”sono i pilastri portanti della vita del cristiano e ci aprono alla prospettiva della salvezza di Cristo che è venuto nel mondo non per essere servito ma per servire e donare la sua vita per la salvezza del mondo. Al termine della Celebrazione vissuta da tutti nel raccoglimento e nella preghiera la Famiglia Marcato ha voluto come tradizione offrire “il Pane di S.Nicolò”ricordando il caro Giovanni Marcato “Titolare del Panificio” che ogni anno confezionava con orgoglio e passione questo”dono” in memoria della carità del Santo Nicola. Dopo la S.Messa Mons Dino assieme a Don Alessandro e ai sacerdoti, si sono recati presso la Sala Pio X° nell’attiguo Patronato per aprire ufficialmente la “Mostra Vetraria” che come tradizione ogni anno viene allestita dall’Associazione Scuola di S.Nicolò con il contributo gratuito dei Maestri Vetrai che offrono i vetri il cui ricavato della vendita viene devoluto per le opere caritative delle Parrocchie di Murano. Oggi 6 Dicembre, la Festa di S.Nicolò ha avuto un ulteriore prolungamento con varie manifestazioni nell’arco della giornata con intrattenimenti musicali, degustazione di prodotti tipici e infine con una fiaccolata, che in serata ha visto “l’arrivo di S.Nicolò” che ha distribuito per la gioia dei più piccoli dolciumi e golosità in rispetto della tradizione secolare di questa festa.

Seconda Domenica di Avvento

commenti Commenti disabilitati
di , 5 dicembre 2014

2 domenica di avventoVangelo ricomincia sempre.
7 dicembre, II domenica di Avvento, anno B

Inizio  del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta  scritto nel profeta Isaia: Ecco, dinanzi a te   io  mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via.   Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via  del Signore, raddrizzate i suoi sentieri, vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: “Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo”. Ascoltiamo oggi i primi versetti del vangelo secondo Marco.

Prosegui la lettura 'Seconda Domenica di Avvento'»

“Vegliate”

commenti Commenti disabilitati
di , 3 dicembre 2014

images.jpg 1 Domenica di avventoPrima domenica di Avvento, anno B
Commento al Vangelo di Enzo Bianchi – Mc 13,33-37

Entriamo nel tempo dell’Avvento (adventus,  venuta), ascoltando le ultime parole del discorso  escatologico di Gesù nel vangelo secondo Marco (cf. Mc 13,1-37). Un discorso che Gesù aveva iniziato rivolgendosi ai quattro discepoli chiamati per primi e più coinvolti nella sua vita – Pietro, Giacomo, Giovanni e Andrea (cf. Mc 13,3-4) –, e che ora egli termina indirizzandosi “a tutti”, con un’esortazione impellente: “Vegliate!”. Questo imperativo appare nel nostro brano come un ritornello incessante, accanto all’altro: “Guardate!” (cf. Mc 13,5.9.23). Tutte le parole di Gesù, e soprattutto la parabola dell’uomo partito per un lungo viaggio, sono finalizzate al comando del vegliare. Ma cosa significa vegliare? Vuol dire “stare svegli”, stare con gli occhi aperti, “fare attenzione”, come traduce la versione italiana

Prosegui la lettura '“Vegliate”'»

Estote parati, essere svegli in attesa

commenti Commenti disabilitati
di , 2 dicembre 2014

papa-francesco-bartolomeo-IDiscorso del Santo Padre, Ankara, 28 novembre 2014

Signor Presidente, Distinte Autorità, Signore e Signori, sono lieto di visitare il vostro Paese, ricco di  bellezze naturali e di storia, ricolmo di tracce di antiche civiltà e ponte naturale tra due continenti e tra  differenti espressioni culturali. Questa terra è cara ad ogni cristiano per aver dato i natali a san Paolo,  che qui fondò diverse comunità cristiane; per aver ospitato i primi sette Concili della Chiesa e per la  presenza, vicino ad Efeso, di quella che una venerata tradizione considera la “casa di Maria”, il luogo  dove la Madre di Gesù visse per alcuni anni, meta della devozione di tanti pellegrini da ogni parte del  mondo, non solo cristiani, ma anche musulmani. Prosegui la lettura 'Estote parati, essere svegli in attesa'»

Panorama Theme by Themocracy