Tag articolo: carità

La confraternita dei defunti

commentiCommenti disabilitati su La confraternita dei defunti
di , 28 ottobre 2014

DSC_0088DSC_0007 - Copia Gli artistici crocefissi delle nostre Chiese di Murano oltre ad essere dei capolavori d’arte ci ricordano che tutti noi cristiani siamo uniti al “Mistero della Morte e della Risurrezione Di Gesù” in virtù del suo Sacrificio sulla Croce.E di questo “Mistero” sono già partecipi tutti i nostri cari defunti che costantemente affidiamo alla “misericordia del Padre”attraverso il Suffragio della Confraternita. Questa “pratica cristiana” della preghiera per i defunti, ci raccoglie ogni settimana nelle Celebrazioni Eucaristiche del mercoledì sera(a S.Donato)e del giovedì sera( a S.Pietro)per tutto il corso dell’anno.Da sabato 1°Novembre in poi,si aprono le adesioni e il rinnovo alla “CONFRATERNITA DEI DEFUNTI”è un’occasione anche questa per affidare alla preghiera della Comunità Cristiana i nostri cari che ci hanno preceduto nella Casa del Padre.E’nostra intenzione incrementare questi momenti di preghiera facendo precedere la Celebrazione della S.Messa con la recita del Rosario e una piccola meditazione sulla Parola.Chi desidera iscrivere o rinnovare l’adesione alla Confraternita può lasciare i nomi dei defunti presso le sacrestie al termine delle S.Messe.Verrà come di consueto rilasciato un apposito cartoncino con l’iscrizione avvenuta.Le offerte raccolte saranno il segno della nostra carità legata alla memoria dei nostri cari.

Il testamento di Paolo VI

commentiCommenti disabilitati su Il testamento di Paolo VI
di , 22 ottobre 2014

 th.jpg PAPA PAOLO VIIn nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.

1. Fisso lo sguardo verso il mistero della morte, e di ciò che la segue, nel lume di Cristo, che solo la rischiara; e perciò con umile e serena fiducia. Avverto la verità, che per me si è sempre riflessa sulla vita presente da questo mistero, e benedico il vincitore della morte per averne fugate le tenebre e svelata la luce. Dinanzi perciò alla morte, al totale e definitivo distacco dalla vita presente, sento il dovere di celebrare il dono, la fortuna, la bellezza, il destino di questa stessa fugace esistenza: Signore, Ti ringrazio che mi hai chiamato alla vita, ed ancor più che, facendomi cristiano, mi hai rigenerato e destinato alla pienezza della vita

Prosegui la lettura 'Il testamento di Paolo VI'»

Discorso per la conclusione del Sinodo dei Vescovi

commentiCommenti disabilitati su Discorso per la conclusione del Sinodo dei Vescovi
di , 22 ottobre 2014

larcivescovo-capovilla-cardinale-la-nomina-voluta-da-papa-francesco_292ef81a-7b76-11e3-bbbd-f16ca24c9d1b_display

Discorso del Santo Padre per la conclusione della III assemblea generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi
Aula del Sinodo,  Sabato 18 ottobre 2014

Eminenze, Beatitudini, Eccellenze, fratelli e sorelle, Con un cuore pieno di riconoscenza e di gratitudine vorrei ringraziare, assieme a voi, il Signore che ci ha accompagnato e ci ha guidato nei giorni passati, con la luce dello Spirito Santo! Ringrazio di cuore il signor cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario Generale del Sinodo, S.E. Mons. Fabio Fabene, Sotto-segretario, e con loro ringrazio il Relatore il cardinale Péter Erdo, che ha lavorato tanto anche nei giorni del lutto familiare, e il Segretario Speciale S.E. Mons. Bruno Forte, i tre Presidenti delegati, gli scrittori, i consultori, i traduttori e gli anonimi, tutti coloro che hanno lavorato con vera fedeltà dietro le quinte e totale dedizione alla Chiesa e senza sosta: grazie tante!

Prosegui la lettura 'Discorso per la conclusione del Sinodo dei Vescovi'»

11 Febbraio “Giornata del Malato”

commentiCommenti disabilitati su 11 Febbraio “Giornata del Malato”
di , 9 febbraio 2014

papa-francesco-abbraccia-giovane-disabileMESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
PER LA XXII GIORNATA MONDIALE DEL MALATO 2013
Fede e carità: «Anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli» (1 Gv 3,16)

Cari fratelli e sorelle,
1. In occasione della XXII Giornata Mondiale del Malato, che quest’anno ha come tema Fede e carità: «Anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli» (1 Gv 3,16), mi rivolgo in modo particolare alle persone ammalate e a tutti coloro che prestano loro assistenza e cura. La Chiesa riconosce in voi, cari ammalati, una speciale presenza di Cristo sofferente. E’ così: accanto, anzi, dentro la nostra sofferenza c’è quella di Gesù, che ne porta insieme a noi il peso e ne rivela il senso. Quando il Figlio di Dio è salito sulla croce ha distrutto la solitudine della sofferenza e ne ha illuminato l’oscurità. Siamo posti in tal modo dinanzi al mistero dell’amore di Dio per noi, che ci infonde speranza e coraggio: speranza, perché nel disegno d’amore di Dio anche la notte del dolore si apre alla luce pasquale; e coraggio, per affrontare ogni avversità in sua compagnia, uniti a Lui.

Prosegui la lettura '11 Febbraio “Giornata del Malato”'»

1314-2014 Settecento anni dalla morte del Beato Giacomo Salomoni.

commentiCommenti disabilitati su 1314-2014 Settecento anni dalla morte del Beato Giacomo Salomoni.
di , 23 gennaio 2014

008-2 L’Ordine dei”Frati Predicatori”meglio conosciuti con il nome di Domenicani,quest’anno festeggiano la “salita al cielo” del Beato Giacomo Salomoni,nativo di Venezia e invocato in modo particolare contro la malattia del cancro. Di seguito riporto in sintesi la sua vita e durante il corso di quest’anno la Comunità Domenicana di Venezia invita tutti i fedeli della Diocesi ad invocarlo,perchè la sua intercessione ci “liberi”da questo”terribile male”che ancora nella nostra società colpisce in maniera”devastante” persone di ogni età in tutto il mondo.

Venezia, 1231 – Forlì, 31 maggio 1314
Morto suo padre, sua madre si fece monaca, e lui a 17 anni, dopo aver distribuito ai poveri tutti i beni della sua famiglia, entrò nel convento domenicano nella nativa Venezia. Esercitò il suo ministero per 45 anni a Forlì, dove per la sua carità fu chiamato ‘Padre dei poveri’. Si distinse anche per il suo amore verso i malati, e per questo è invocato contro la malattia del cancro.
Martirologio Romano: A Forlì, beato Giacomo Salomoni, sacerdote, che, adolescente, morto il padre e entrata la madre tra le monache cistercensi, distribuì i suoi beni ai poveri e, accolto nell’Ordine dei Predicatori, vi rifulse per quarantacinque anni come amico dei poveri e uomo di pace, dotato di insigni carismi.

Giacomo Salomoni, di nobilissima famiglia veneziana, rimase assai presto orfano di padre. La madre allora lo affidò alla virtuosissima nonna, decidendo di prendere il velo monacale in un monastero della città, detto delle Celesti. Il bimbo spesso visitava sua madre, e fatto giovinetto, sentì anche lui l’attrattiva per le cose nobili e sante. Così, distribuito ai poveri un cospicuo patrimonio, si fece, a diciassette anni, Frate Predicatore. Ricevute con vivissima gioia le bianche lane, sua ambizione fu di seguire le orme del grande Patriarca Domenico. Ebbe il culto della Regola, che per sessantasei anni osservò con inviolabile fedeltà. Anima contemplativa e assetata di silenzio, ottenne, nel 1269, di passare al Convento di Forlì, per vivervi sconosciuto e lontano dalla sua Patria. Non ebbe il dono dell’eloquenza, ma sua cattedra fu il confessionale, dove svolse un fruttuosissimo apostolato per il quale aveva ricevuto da Dio doni veramente straordinari. Leggeva nelle anime, e per ognuna di loro le sue parole erano balsamo e vita. Spesso, quando era in confessionale, si vedeva una colomba misteriosa posarsi sulla sua spalla. La sua preghiera era taumaturga e otteneva miracoli d’ogni genere. Nella tarda età sopportò una crudele piaga al petto, senza concedersi, né riposo, né dispense. Fu Priore in diversi Conventi, ma mori in quello di Forlì nel giorno e nell’ora da lui predetti, il 31 maggio 1314, portando in cielo intatta la stola battesimale. I suoi funerali furono un trionfo e Forlì lo proclamò suo Patrono. Il culto fu approvato per Forlì nel 1526 e per Venezia nel 1617. Papa Gregorio XV il 22 settembre 1621 ha concesso a tutto l’Ordine la Messa e l’ufficio propri. La splendida chiesa dei Santi Giovanni e Paolo di Venezia, testimone della sua donazione giovanile al Signore, dal 1939 ne conserva gelosamente il corpo.

Festa di S.Lucia e il suo “legame con Venezia”

commentiCommenti disabilitati su Festa di S.Lucia e il suo “legame con Venezia”
di , 9 dicembre 2013

CorpoS_Lucia Il legame che unisce S.Lucia, Martire di Siracusa con la nostra città di Venezia ci riporta indietro nei secoli, precisamente nel 1204, quando i crociati veneziani dopo la presa di Costantinopoli ne trafugarono il corpo, portato nell’anno 878 dai Bizantini dopo che Siracusa cadde sotto la dominazione mussulmana. Lucia fa parte dei santi martiri della Chiesa Paleocristiana e insieme a Sant’Agata patrona di Catania è inserita nel Martirologio dei santi siciliani ed è venerata dalla Chiesa Cattolica e da quella Ortodossa. Nella sua “Passio” (il documento storico -leggendario che ne ricostruisce la vita e il suo martirio) si racconta che nacque nell’anno 283 a Siracusa da nobile famiglia. Rimasta in giovane età orfana di padre, crebbe con la madre Eutichia, che la educò al cristianesimo ed a una vita virtuosa. Già in tenera età Lucia si consacrò al Signore offrendosi a lui nella purezza, verginità e carità verso i poveri.

Prosegui la lettura 'Festa di S.Lucia e il suo “legame con Venezia”'»

Festa di S.Nicolò tra fede e tradizione

commentiCommenti disabilitati su Festa di S.Nicolò tra fede e tradizione
di , 6 dicembre 2013

AS1029Anche se il “Comparto Della Vetraria Muranese” sta soffrendo da anni per la crisi internazionale, la festa del suo Patrono S.Nicolò si è celebrata in un clima di “fede e di serenità” nel rispetto della secolare tradizione che unisce il sacro e il profano in un “particolare connubio”. Da più di 25 anni l’Associazione Scuola di S.Nicolò promuove a livello interparrocchiale la Celebrazione della S.Messa in onore del Santo e la Mostra Vetraria a scopo benefico. Quest’anno la Liturgia Eucaristica è stata presieduta dal nuovo Vicario Generale Don Angelo Pagan assieme al Parroco Don Alessandro e a Don Umberto Bertola, sacerdote nativo dell’isola. Nella sua “omelia” Don Angelo ha sottolineato le virtù e le doti particolari del Vescovo di Myra, mettendo in evidenza il dono della carità e dell’amore per i poveri e per i bimbi esortando tutti i fedeli presenti a compiere gesti di pace e di solidarietà verso chi nel bisogno. Don Angelo è rimasto sorpreso dell’accoglienza ricevuta e della partecipazione delle famiglie con i bambini alla Liturgia in Basilica e di conseguenza si è complimentato con Don Alessandro, dicendo che la nostra “Unità Pastorale” è come una grande famiglia che sa pregare e condividere la fede nel segno della “Parola del Vangelo”. Ci ha assicurato, la sua vicinanza nella preghiera e soprattutto che riferirà al Patriarca Francesco, l’entusiasmo, l’affetto e la generosità che Murano ha dimostrato in tale occasione. Alla fine della S.Messa è stato benedetto il tradizionale “pane di S.Nicolò” offerto a tutti i fedeli presenti. L’apertura della “mostra Vetraria “in Centro S.Gerardo ha concluso la Festa che ci ha visto tutti riuniti nella comune devozione al nostro Patrono.

S.Ambrogio, Patrono di Milano, vescovo e Dottore della Chiesa

commentiCommenti disabilitati su S.Ambrogio, Patrono di Milano, vescovo e Dottore della Chiesa
di , 5 dicembre 2013

SantAmbrogio-vescovo

Treviri, Germania, c. 340 – Milano, 4 aprile 397
Aveva scelto la carriera di magistrato – seguendo le orme del papà, prefetto romano della Gallia – e a trent’anni si trovava già ad essere Console di Milano, città che era allora capitale dell’Impero. Così, quel 7 dicembre dell’anno 374, in cui cattolici e ariani si contendevano il diritto di nominare il nuovo Vescovo, toccava a lui garantire in città l’ordine pubblico, e impedire che scoppiassero tumulti. L’imprevedibile accadde quando egli parlò alla folla con tanto buon senso e autorevolezza che si levò un grido: «Ambrogio Vescovo!». E pensare che era soltanto un catecumeno in attesa del Battesimo! Cedette, quando comprese che quella era anche la volontà di Dio che lo voleva al suo servizio. Cominciò distribuendo i suoi beni ai poveri e dedicandosi a uno studio sistematico della Sacra Scrittura. Imparò a predicare, divenendo uno dei più celebri oratori del suo tempo, capace di incantare perfino un intellettuale raffinato come Agostino di Tagaste, che si convertì grazie a lui.

Prosegui la lettura 'S.Ambrogio, Patrono di Milano, vescovo e Dottore della Chiesa'»

S.Nicolo’ Patrono della Serenissima e dei ” Vetrai di Murano”

commentiCommenti disabilitati su S.Nicolo’ Patrono della Serenissima e dei ” Vetrai di Murano”
di , 30 novembre 2013

nikolaus-mytraRaccontano le cronache dell’epoca che Il giorno 8 maggio del 1087 giunsero a Bari, le spoglie di San Nicola-Magno, trafugate dalla Basilica di Myra, (attuale Turchia) da 62 marinai dopo una avventurosa spedizione in terra d’oriente. I veneziani eterni rivali nei traffici marittimi, entrarono in competizione per il possesso definitivo delle reliquie e saputo che parte delle stesse ancora giacevano nell’antica sepoltura del santo, partirono nel 1099 per la Prima Crociata guidati dal Doge Vitale Michiel. Nel viaggio di ritorno attraversando la città di Myra e spacciandosi per devoti pellegrini, con l’inganno violarono la sacra tomba e si impadronirono definitivamente delle restanti ossa che portarono trionfalmente a Venezia nel 1100, collocandole alla venerazione del popolo nella chiesa portuale di S.Nicolò del Lido già eretta in suo onore un secolo prima. Da allora, la Serenissima lo volle accanto all’Evangelista Marco come patrono della flotta navale invocandolo anche come protettore dei marinai, naviganti, mercanti e successivamente a lui furono intitolate chiese, confraternite, corporazioni arti e mestieri. La fama di questo santo comunque, era già ben nota nel mondo cristiano.

Prosegui la lettura 'S.Nicolo’ Patrono della Serenissima e dei ” Vetrai di Murano”'»

Papa Francesco come Clemente VIII° in soccorso dei poveri

commentiCommenti disabilitati su Papa Francesco come Clemente VIII° in soccorso dei poveri
di , 30 novembre 2013

imagesLa notizia ufficialmente, non ha avuto conferma dalle “fonti vaticane”ma da alcune indiscrezioni sembra che Papa Francesco in tutta segretezza, sia andato in varie occasioni per le strade di Roma alla notte per “portare conforto e soccorso ai poveri” Non è certamente cosa di tutti i giorni, ma la storia racconta che sul finire del 1500 Papa Clemente VIII°andava allora ” in gran segreto” e travestito da viandante per le strade “buie e pericolose di Roma” per portare aiuto ai miserabili ai pellegrini, mangiando con loro e convincendoli anche a confessarsi. Erano gli anni in cui operava nella Capitale come “apostolo della carità”, il sacerdote Filippo Neri poi diventato Santo. Il Papa Clemente VIII°lo conobbe negli anni del suo pontificato, e lo voleva nominare Cardinale e suo personale collaboratore nella”carità verso i derelitti”. Filippo Neri a questa richiesta del Papa sorrise, e con tutta umiltà disse: “Santità al posto della porpora preferisco il Paradiso”!! E così fu, Filippo Neri non divenne Cardinale ma fu proclamato dopo la sua morte “Il Santo dei Poveri”e la Chiesa lo annovera nei Santi ” Apostoli della Carità”. Avverrà così anche per Papa Francesco??? Riporto l’articolo che è stato pubblicato sulla pagina di Facebook “Tu sei Pietro”!

Prosegui la lettura 'Papa Francesco come Clemente VIII° in soccorso dei poveri'»

Panorama Theme by Themocracy