Sinodo dei Vescovi – Ottobre 2008

di , 22 Ottobre 2008

La Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa

Come appartenenti alla grande famiglia della Chiesa ci sembra importante condividere un momento molto forte nella vita della comunità cristiana IL SINODO DEI VESCOVI, dando una breve spiegazione del suo significato e riportando alcuni passi fondamentali di quello che i vescovi stanno discutendo. Fondamentale nel cammino di un cristiano seguire la quotidianità di questi ed altri avvenimenti importanti per sentirsi partecipi attivamente alla vita comunitaria in un cammino di fede verso l’unica meta che è l’incontro con Dio. Il Sinodo dei Vescovi è un’istituzione permanente del Collegio episcopale della Chiesa Cattolica. Fu il Papa Paolo VI che lo istituì il 15 settembre 1965 in risposta al desiderio dei Padri del Concilio Vaticano II per mantenere vivo l’autentico spirito formatosi dall’esperienza dello stesso Concilio. E’ un’assemblea dei rappresentanti dell’episcopato cattolico che ha il compito di aiutare con i suoi consigli il Papa nel governo della Chiesa universale.

I Vescovi hanno detto…
Il Sacro Vangelo deve penetrare nella mente attraverso il cuore e affinché ciò avvenga è necessario presentarlo con fervido calore. Ciò non può avvenire in modo meccanico o negligente e tali caratteristiche sono valide anche per l’omelia che presenta e dà applicazione al messaggio evangelico. La proclamazione del Vangelo deve illuminare i partecipanti anche affinché avvertano una sacra soggezione di Dio, poiché è lo stesso Dio che ha creato la luce dalle tenebre.
Abbiamo bisogno di orientamenti che aiutino i Cattolici a interpretare correttamente la Bibbia. Facciamo sì che tali orientamenti vengano presentati in modo chiaro. Essi potranno comprendere i seguenti criteri per una lettura cattolica della Bibbia:

  • Conoscere la Bibbia non è tanto conoscere un libro, ma conoscere e rapportarsi alla persona di Cristo.
    La liturgia è il luogo primario dell’incontro con la Bibbia come Parola di Dio.
  • Una vera comprensione della Bibbia deve essere coerente con la vita autentica (come le vite dei Santi), le pratiche e gli insegnamenti della Chiesa. La corretta comprensione della Scrittura dovrebbe essere guidata sia dalla fede che dallo studio.
  • Ogni passo della Bibbia deve essere letto nel contesto dell’unità interna della Scrittura.
  • La corretta comprensione della Bibbia dovrebbe prendere in considerazione le situazioni concrete dell’ oggi, nonché rivolgersi ad esse.
  • Leggere la Bibbia non deve rimanere mera conoscenza.
  • L’uso corretto della Bibbia deve promuovere l’unità in seno alla Chiesa e fra le Chiese.
  • Abbiamo bisogno di avvicinarci alla Bibbia con spirito di umiltà, poiché ciò ci permette di apprezzare l’interpretazione che ne danno i poveri. Suggerisco che vi sia maggior interazione fra gli studiosi della Bibbia e gli operatori pastorali. Insieme essi devono ricercare metodi di comprensione e temi di studio che approfondiscano la fede dei nostri popoli nelle nostre culture originali.

Parlare della Parola di Dio nella chiesa significa parlare della Parola di Dio nella vita dei credenti. Compito dei pastori è convertire l’immaginazione , l’intelletto e la volontà di coloro cui proclamano la Parola di Dio e per i quali interpretano le Sacre Scritture. Se la potenza della Parola di Dio nelle Sacre Scritture deve essere avvertita nella vita e nella missione della Chiesa, i pastori devono dedicarsi in egual misura ai contesti specifici in cui operano e alle Sacre Scritture.

Pensiero…
San Cesario d’Arles esortava spesso i suoi diocesani a non trascurare mai ciò che egli chiamava “nutrimento dell’anima per l’eternità”: “Vi prego, diletti fratelli, di applicarvi a consacrare alla lettura dei testi sacri tante ore quante potrete”. Spesso, alla fine della giornata, amava domandare ai suoi sacerdoti, a proposito della meditazione della Parola di Dio: “Che cosa avete mangiato oggi?’ Magari potessimo avere la stessa disponibilità, lo stesso gusto per la Parola di Dio e porci a nostra volta la stessa domanda: “Che cosa abbiamo mangiato oggi?”

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy