La Confessione Per prepararci al Natale

di , 5 Dicembre 2008

Chiediamo al Signore di cambiare il nostro cuore, di renderci pane buono, pane per essere cibo per gli altri. Lui che è Pane vivo, il pane che toglie la fame per sempre.  Viviamo questo periodo d’avvento approfittandone per riconciliarsi con Lui nell’attesa del Figlio…

Perché bisogna confessarsi ?  È una domanda che ritorna in molteplici forme: perché si deve andare da un sacerdote a dire i propri peccati e non lo si può fare direttamente con Dio, che ci conosce e comprende molto meglio di qualunque interlocutore umano? E, ancora più radicalmente: perché parlare delle mie cose, specie di quelle di cui ho vergogna perfino con me stesso? Il peccato c’è, e non solo è male, ma fa male. Basta guardare la scena quotidiana del mondo.

Chi poi crede nell’amore di Dio, percepisce come il peccato sia amore ripiegato su se stesso, ingratitudine di chi risponde all’amore con l’indifferenza e il rifiuto.  Questo rifiuto ha conseguenze non solo su chi lo vive, ma anche sulla società tutta intera, fino a produrre dei condizionamenti e degli intrecci di egoismi e di violenze che costituiscono delle vere e proprie “strutture di peccato” (si pensi alle ingiustizie sociali, alla sperequazione fra paesi ricchi e paesi poveri, allo scandalo della fame nel mondo). Proprio per questo non si deve esitare a sottolineare quanto sia grande la tragedia del peccato e quanto la perdita del senso del peccato – ben diverso da quella malattia dell’anima che chiamiamo “senso di colpa” – indebolisca il cuore davanti allo spettacolo del male e alle seduzioni di Satana, l’Avversario che cerca di separarci da Dio. 

Perché bisogna confessare a un sacerdote i propri peccati e non lo si può fare direttamente a Dio ? Certamente, è sempre a Dio che ci si rivolge quando si confessano i propri peccati. Che sia, però, necessario farlo anche davanti a un sacerdote ce lo fa capire Dio stesso: scegliendo di inviare Suo Figlio nella nostra carne, egli dimostra di volerci incontrare mediante un contatto diretto, che passa attraverso i segni e i linguaggi della nostra condizione umana.

Come Lui è uscito da sé per amore nostro ed è venuto a “toccarci” con la sua carne, così noi siamo chiamati ad uscire da noi stessi per amore Suo e andare con umiltà e fede da chi può darci il perdono in nome Suo con la parola e col gesto.

Solo l’assoluzione dei peccati che il sacerdote ti dà nel sacramento può comunicarti la certezza interiore di essere stato veramente perdonato e accolto dal Padre che è nei cieli. È Cristo che, risorto dalla morte, ha detto agli Apostoli: “Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi” (Gv 20,22s).

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy