Quarta Domenica di Avvento

di , 17 Dicembre 2011

La testimonianza del Battista ci ha ricordato come le vie di  Dio spesso non sono quelle che ci aspettiamo.  Nella storia  della Salvezza ciò è avvenuto molte volte, pensiamo ad  esempio alla scelta del re Davide.  Anche la nascita di Gesù,  momento importantissimo per la nostra salvezza, è “passata” per la piccola Nazaret, nella casa di una giovanissima  promessa sposa e non nei luoghi del potere terreno.  Un solo semplice “sì” di Maria ha permesso al verbo di  farsi carne e Dio è entrato nel mondo.  Questo ci insegna due cose fondamentali: 

  • la via che è Gesù ha un “imbocco” riconoscibile (una preziosa indicazione stradale) nella Madonna: quando incontriamo  lei e ci mettiamo alla sua scuola, siamo sicuri che sempre nelle vicinanze c’è Gesù Cristo e presto ci sarà  dato di incontrarlo; 
  • non ci sono vite e storie in cui Dio non si lasci incontrare: le sue vie passano per i gesti quotidiani che a noi appaiono  insignificanti.  È attraverso la nostra fragile umanità, infatti, che Dio ha scelto di essere presente nella  Sua Chiesa, per continuare ad amare il mondo. 

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy