Festa diocesana dei ragazzi a Jesolo

di , 11 Febbraio 2012

Pala Arrex (Jesolo) – Festa diocesana dei ragazzi
Saranno almeno 1800 i ragazzi dagli 11 ai 14 anni – provenienti da ogni parte della diocesi ed accompagnati da qualche centinaio di giovani e adulti – pronti ad arrivare a Jesolo… Con almeno una trentina di pullman in partenza da decine e decine di parrocchie del Patriarcato convergeranno tutti al Pala Arrex di Jesolo per la Festa diocesana dei Ragazzi che si svolgerà nell’intera giornata all’insegna del motto “All-in. Egli entrò per rimanere con loro”, uno slogan preso in prestito dal linguaggio del poker e che significa “tutto in gioco” ovvero “mi gioco tutto”. “Ai ragazzi chiediamo di mettersi in gioco e di scommettere tutto su Gesù Cristo”, racconta mons. Valter Perini, delegato patriarcale per l’evangelizzazione e la catechesi che – con il Coordinamento della Pastorale dei ragazzi – organizza l’evento. “Anche se è un’età di grandi trasformazioni e di graduale presa di distanza dalla famiglia, dalla scuola, dalla Chiesa, riteniamo sia un’età importante in cui i ragazzi posso capire che Gesù non fa parte del vecchio ma è persona viva e presente. Diventare suoi amici significa impostare in modo bello e serio la propria vita. Scommettere su di lui significa mettersi su strade sicure”. Il programma prevede l’accoglienza al Pala Arrex di piazza Brescia a Jesolo tra le 9.30 e le 10.00; seguirà mezz’ora di animazione con la preghiera del mattino; alle 10.30 saranno lanciati i contenuti della festa e, dopo un tempo di preparazione, alle 12. 00 sarà celebrata la messa. Con il pranzo al sacco inizierà il tempo di visita ai molti stand allestiti (più di una trentina) con vari luoghi di gioco e la proposta di numerose attività, fino alle 15.30. Riprenderà quindi l’animazione e si farà poi una sintesi della giornata, chiudendo alle 16.30 con un ultimo tempo di preghiera. Nel corso del pomeriggio di festa è previsto anche un video-intervento del Patriarca eletto mons. Francesco Moraglia che rivolgerà così il suo primo e diretto saluto ai ragazzi della diocesi di Venezia.

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy