Il primo saluto di don Alessandro

di , 15 Settembre 2012

In questi giorni ho trascorso parte del mio tempo nel preparare le valigie, i libri, nell’imballare  ogni cosa sapendo che tutto dovrà passare di mano in mano dal furgone alla barca, dalla barca  ai carrelli, dai carrelli alla canonica di San Donato.  Queste mani operose e disponibili di persone  amiche, sono le mani della comunità che nel bisogno fa sentire tutta la sua amicizia e il suo  affetto.  Entrare in una nuova comunità richiede anche la preparazione del cuore per lasciare  una tradizione e uno stile acquisito in questi nove anni per accoglierne un altro.  Ci vuole tutta la  pazienza e la calma nell’imparare nomi e apprezzare le qualità dell’isola.  Sono certo che incontrerò  anche a Murano persone che mi aiuteranno in questo passaggio significativo per la mia  vita.  Cammineremo insieme condividendo il bene più prezioso che ci unisce : la fede in Gesù  Cristo risorto.  San Donato e San Pietro sono per noi non soltanto un esempio, ma anche degli  “amici” che possono sostenerci in questa testimonianza. 

Don Alessandro Rosin

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy