Tag articolo: ammalati

Benvenuto Eminenza!

commenti Commenti disabilitati su Benvenuto Eminenza!
di , 27 Novembre 2010

Sabato 4 Dicembre inizia la sosta Pastorale:

  • Alle 15 alla colonna viene accolto dalla Remiera Murano e accompagnato in corteo a san Donato
  • Alle 15.15 lo accolgono a S.Donato i bambini delle elementari ed i lupetti, si ferma a dialogare con loro ed i loro genitori
  • Dalle 16 alle 17 va a fare visita ad alcuni ammalati ed anziani che non possono muoversi
  • Alle 17.15 in chiesa S.Pietro lo aspettano i ragazzi delle medie, i dopo cresima e gli adolescenti, gli socut e i rover/scolte insieme alle loro famiglie per dialogare con lui
  • Alle 18.30 in chiesa a S.Pietro incontra l’assemblea parrocchiale: tutti sono invitati!
  • Domenica 5 Dicembre celebra le sante messe delle 09.30 a San Donato e delle 11.00 a San Pietro
  • Lunedĺ 6 Dicembre festa di S.Nicolò incontrerà nella scuola Abate Zanetti gli operatori del vetro, alle 18.00 celebrerà la S.Messa

Con la visita del Patriarca viviamo un gesto di carità; la raccolta delle offerte di Domenica 4 e Domenica 12 Dicembre  verra’ destinata per i cristiani del Pakistan

Tempo di incontri

commenti Commenti disabilitati su Tempo di incontri
di , 29 Ottobre 2010

Martedi 2 Novembre ore 21.00 a San Donato

  • L’equipe liturgica si incontra con tutti coloro i quali desiderino preparare la messa delle 9.30 con il Patriarca

Mercoledi 3 Novembre ore 21.00 a San Pietro

  • Incontro del “Noi del Patronato”

Giovedi 4 Novembre ore 21.00 a San Donato

  • Adorazione eucaristica in particolar modo per tutti coloro i quali svolgono un servizio nelle nostre comunità

Venerdi 5 Novembre ore 09.30 a San Pietro

  • Santa Messa per gli ammalati

Venerdi 5 Novembre ore 21.00 a San Donato

  • Incontro dei catechisti di Arcobaleno, Mamre con i capi branco dei lupetti per la preparazione dell’incontro dei bambini con il Patriarca di Sabato 4 Dicembre

Sabato 6 Novembre ore 20.00 Patronato di San Giobbe
Il Patriarca incontra i giovanissimi del vicariato (dai 14 ai 18 anni) – Programma:

  • Ore 20.00 – 20.30 accoglienza
  • Breve rappresentazione dalla quale emerge il desiderio di mostrarsi senza “maschere” in un mondo in cui ciò non non è semplice
  • Interventi dei ragazzi e risposte del Patriarca
  • Benedizione
  • Momento conviviale caratterizzante del luogo per tradizione (castagne)

Lunedi 8 Novembre ore 21.00 a San Pietro

  • L’equipe liturgica si incontra con tutti coloro i quali desiderino preparare la messa delle 9.30 con il Patriarca

Inizia il cammino

commenti Commenti disabilitati su Inizia il cammino
di , 18 Settembre 2010

Domenica prossima – 26 settembre – con la santa Messa a San Pietro alle ore 10.00   (la Messa delle 8 viene celebrata a San Donato e sono sospese quelle delle 09.30  e  11.00)  riprenderà  il cammino delle nostre comunità cristiane e consegneremo il mandato ai catechisti e animatori.  Questo anno pastorale avrà il suo momento importante e fondamentale con la Sosta  Pastorale che il nostro Patriarca Angelo vivrà con noi nei giorni 4-5-6 dicembre

La sua venuta in mezzo a noi è un occasione preziosa e importante per dare conferma al  cammino pastorale delle nostre parrocchie.  Il venire del nostro vescovo in mezzo ci ricorda  che se siamo comunità lo siamo solo come espressione della Chiesa Diocesana, di cui il Patriarca  è pastore, e siamo chiamati a seguire il suo magistero come educazione concreta al  Pensiero di Cristo. 
Ecco il programma della sua venuta: 

Sabato 4 Dicembre

  • Ore 15.00  Accoglienza a San Donato 
  • Ore 15.15  a San Donato:   incontro in chiesa con i bambini e i ragazzi dei gruppi Arcobaleno e  Mamre (elementari) i lupetti e le loro famiglie. 
  • Dalle 16.00  alle 17.30:  Visita agli ammalati sia di San Donato che di San Pietro. 
  • Ore 17.30  a San Pietro:  Incontro con i ragazzi dei gruppi Sichem (medie) e dopo Cresima e  scouts e le loro famiglie. 
  • Ore 18.30  a San Pietro: Incontro con l’Assemblea Parrocchiale in Chiesa, sono invitati tutti 

Domenica 5 Dicembre 

  • Ore 09.30  a San Donato:  S. Messa
  • Ore 11 : 00  a San Pietro S. Messa

Lunedi’ 6 Dicembre  – San Nicolò

  • Ore 16.30  Scuola Abate Zanetti:   incontro con gli operatori del settore Vetro 
  • Ore 18.00  a San Pietro:  Santa Messa e inaugurazione mostra

Radio parrocchiale

commenti Commenti disabilitati su Radio parrocchiale
di , 13 Marzo 2010

“Predicalo dai tetti” è una iniziativa per rendere le nostre Comunità più  unite, e per sostenere i nostri anziani e ammalati che non possono più partecipare alle Celebrazioni  in Chiesa.  Abbiamo installato una Radio parrocchiale, che trasmette giornalmente musica sacra e tutte le celebrazioni secondo queste modalità:

Giorni feriali:
Lodi del mattino – Ore 07:30
Preghiera del Rosario  – Ore 18.00 
S.Messa – Ore 18.30 

Giorni festivi:
Vesperi – ore 18.00
Sante Messe – Ore  08.00, 09.30, 11.00, 18.30

.

Basta fornirsi dell’apparato ricevente – da richiedere in sacrestia – metterlo in casa,  accenderlo e si è collegati.  Può anche essere ascoltata via internet.

Diamo la possibilità a tutti di partecipare a  quanto si vive nelle nostre chiese.
Facciamo una proposta: offriamo ad una persona anziana o inferma, sola, questa possibilità  di sentirsi più vicino alla comunità regalandogli l’apparato ricevente.

Predicatelo dai tetti

commenti Commenti disabilitati su Predicatelo dai tetti
di , 27 Febbraio 2010

Una iniziativa per rendere le nostre Comunità più  unite, e per sostenere i nostri anziani e ammalati che non possono più partecipare alle Celebrazioni  in Chiesa.
Abbiamo installato una Radio parrocchiale. 

Diamo così la possibilità a tutti di partecipare a  quanto si vive nelle nostre chiese.  Basta fornirsi dell’apparato ricevente, da richiedere in sacrestia, e poi metterlo in casa,  accenderlo e si è collegati.  Facciamo una proposta: Offriamo ad una persona anziana o inferma, sola, questa possibilità  di sentirsi più vicino alla comunità, regalandogli l’apparato ricevente.

XVIII Giornata Mondiale del Malato

commenti Commenti disabilitati su XVIII Giornata Mondiale del Malato
di , 6 Febbraio 2010

Giovedi 11 Febbraio 2010  – “La Chiesa a servizio dell’amore per i sofferenti” 

Domenica 14 Febbraio  Sante Messe ore 11.00 a San Pietro – ore 15.30 a San Donato  con l’impartizione dell’Unzione degli infermi.
Quanti, ammalati o anziani , desiderino ricevere l’Unzione lascino il loro nome in sacrestia.  Non si terrà la consueta Messa delle 18.30 a san Donato

A te, Vergine di Lourdes,
al Tuo Cuore di Madre che consola,
ci rivolgiamo in preghiera.
Tu, Salute degli Infermi,
soccorrici e intercedi per noi.
Madre della Chiesa, guida e sostieni
gli operatori sanitari e pastorali,
i sacerdoti, le anime consacrate
e tutti coloro che assistono i malati.
Madre dell’Amore,
facci discepoli del Tuo Figlio,
il Buon Samaritano,
affinché tutta la nostra vita
diventi in Lui
servizio d’amore e sacrificio di salvezza.
Amen!

Un nuovo dono

commenti Commenti disabilitati su Un nuovo dono
di , 19 Dicembre 2009

NatalePuntuale arriva il Natale, non sbaglia giorno, non ritarda, anzi. 
Un Natale nuovo, un Natale che viene a rinnovare la nostra  vita personale e comunitaria.  Dio che si incarna nella nascita  di Gesù a Betlemme, ci annuncia ancora: “Dio desidera donare  se stesso per dare alla tua vita compimento”.  E’ questo il grande e nuovo dono, Dio stesso si fa uomo  per ciascuno di noi.  Sarà un nuovo Natale e porta con se novità :  *prima di tutto questa esperienza di cammino dall’Unità alla  Comunità Pastorale, cammino che cambierà sostanzialmente il  modo di vivere la nostra dimensione di parrocchia.  *Poi la centralità che desideriamo dare all’Eucaristia con la  realizzazione della Adorazione permanente, cioè la possibilità  di avere una mattina e un pomeriggio di ogni settimana, Gesù esposto nel santissimo  Sacramento per diventare punto di riferimento e centro vitale del cammino delle nostre  persone e delle nostre comunità.  *La preparazione alla Visita Pastorale del Patriarca Angelo che verrà tra noi il 4 e il 5  dicembre 2010.  Il 6 poi festeggerà con noi il patrono san Nicolò. 

Questa sua visita è la  visita del Pastore che ha a cuore il suo gregge.  Egli viene per confermarci nella fede e per  annunciarci quella Parola che da vita.  Nell’opuscolo che viene consegnato con questo  COMMUNIO, troverete tutte le date, fissiamole già nel calendario di casa, nelle agende  personali, nelle memorie dei cellulari, così potremmo partecipare e gustare con tutti i  fedeli della nostra diocesi, del nostro vicariato, della città lagunare, a questo incontro  con il Pastore che viene a raccogliere il suo gregge per accompagnarlo a pascoli sicuri e  buoni.  Questo è il mio augurio di Buon Natale e di un Nuovo Anno nel Signore, un augurio  per tutti, per i nostri ammalati e anziani e per chi lo vivrà da solo, per i giovani e i  ragazzi, per le famiglie, soprattutto quelle che soffrono. 

Aggiungo un grazie di cuore a tutti quelli, che in qualsiasi modo, si spendono nel servire  le nostre comunità cristiane e generosamente le fanno vivere. 

Auguri, don Carlo

Giornate che ci hanno fatto pensare, la morte di Eluana

di , 14 Febbraio 2009

 In questi giorni in cui abbiamo pregato per la vita di questa giovane donna, e la abbiamo ricordata per la sua morte, abbiamo pure ascoltato tante voci.  Voci che alle volte  ci hanno disorientato e non ci hanno aiutato a comprendere la realtà di quello che stava accadendo.  Desideriamo offrire le Parole del Papa, pronunciate durante la celebrazione  nella Giornata mondiale degli ammalati. La sua  è una  Voce  che ci aiuta a comprendere delle verità sulle quali siamo chiamati a fondare le nostre risposte agli interrogativi che un fatto così, ci ha provocato.

“Questa Giornata invita a far sentire con maggiore intensità ai malati la vicinanza spirituale della Chiesa, la quale, co­me ho scritto nell’enciclica Deus caritas est, è la famiglia di Dio nel mondo, all’interno della quale nessuno deve soffrire per mancanza del necessario (cfr n. 25 b). Al tempo stesso, quest’oggi ci è data l’opportunità di riflettere sull’espe­rienza della malattia, del dolore, e più in generale sul senso della vita da realizzare pienamente anche quando è sofferente. Nel messaggio per l’odierna ricor­renza ho voluto porre in primo piano i bambini ammalati, che sono le creature più deboli e indifese. È vero! Se già si resta senza parole davanti a un adulto che soffre, che dire quando il male colpisce un piccolo innocente?  Come percepire anche in situazioni così difficili l’amore misericordioso di Dio, che mai abbandona i suoi figli nella prova? Sono frequenti e talora inquietanti tali interrogativi, che in verità sul piano semplicemente umano non trovano adeguate risposte, poiché il dolore, la malattia e la morte restano, nel loro significato, insondabili per la nostra mente. Ci viene però in aiuto la luce della fede.  La Parola di Dio ci svela che anche questi mali sono misteriosamente «abbracciati» dal disegno divino di salvezza; la fede ci aiuta a ritenere la vita umana bella e degna di essere vissuta in pienezza pur quando è fiaccata dal male. Dio ha creato l’uomo per la felicità e per la vita, mentre la malattia e la morte sono entrate nel mondo come conseguenza del peccato.   Ma il Signore non ci ha abbandonati a noi stessi; Lui, il Padre della vita, è il medico per eccellenza dell’uomo e non cessa di chinarsi amorevolmente sull’umanità sofferente. Il Vangelo mostra Gesù che «scaccia gli spiriti e guarisce coloro che sono ammalati » ( Mt 8, 16), indicando la strada della conversione e della fede come condizioni per ottenere la guarigione del corpo e dello spirito. Con la sua passione e morte Egli ha assunto e trasformato fino in fondo la nostra debolezza. Ecco perché – secondo quanto ha scritto il servo di Dio Giovanni Paolo II nella lettera apostolica Salvifici doloris – « soffrire significa diventare particolarmente suscettibili, particolarmente aperti all’opera delle forze salvifiche di Dio, offerte all’umanità in Cristo » (n. 23).

Cari fratelli e sorelle, ci rendiamo conto sempre più che la vita dell’uomo non è un bene disponibile, ma un prezioso scrigno da custodire e curare con ogni attenzione possibile, dal momento del suo inizio fino al suo ultimo e naturale compimento. La vita è mistero che di per se stesso chiede responsabilità, amore, pazienza, carità, da parte di tutti e di ciascuno. Ancor più è necessario circondare di premure e rispetto chi è ammalato e sofferente. Questo non è sempre facile; sappiamo però dove poter attingere il coraggio e la pazienza per affrontare le vicissitudini dell’esistenza terrena, in particolare le malattie e ogni ge­nere di sofferenza. Per noi cristiani è in Cristo che si trova la risposta all’enigma del dolore e della morte. La partecipazione alla Santa Messa, come voi avete appena fatto, ci immerge nel mistero della sua morte e risurrezione.   Ogni celebrazione eucaristica è il memoriale perenne di Cristo crocifisso e risorto, che ha sconfitto il potere del male con l’onnipotenza del suo amore.  È dunque alla « scuola » del Cristo eucaristico che ci è dato di imparare ad amare la vita sempre e ad accettare la nostra apparente impotenza davanti alla malattia e alla morte”

Benedetto XVI

Giornata mondiale dell’ammalato (2)

di , 7 Febbraio 2009

 di Adriana

Da un messaggio del Concilio Vaticano Secondo agli ammalati: “Ecco la scienza cristiana della sofferenza, la sola che dà pace: sappiate che non siete soli, né separati, né abbandonati, né inutili. Voi siete chiamati da Cristo, voi siete la sua vivente e trasparente immagine”. Nel Vangelo Gesù dice:”venite a me, voi tutti che siete affaticati e stanchi e io vi ristorerò”.

Il sofferente però ha bisogno di non sentirsi solo, abbandonato o inutile e quindi spetta alla Comunità cristiana, animata da spirito evangelico, di farsi mani, voce, cuore di Cristo, perché il malato senta concretamente questo amore e questa vicinanza del Signore.

Mercoledì 11 febbraio, giorno dedicato alla Madonna di Lourdes, la Chiesa celebra “la giornata mondiale del Malato”; anche noi pregheremo Maria, madre degli infermi. In questa celebrazione verrà anche distribuito, a chi lo richiede, il sacramento dell’Unzione degli infermi in cui, come dice il rituale, “tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Cristo sofferente e glorificato, perché rechi loro sollievo e li salvi”.

 

Giornata mondiale dell’ammalato

di , 7 Febbraio 2009

 11 febbraio 2009, in occasione della
Festa della B. Maria Vergine di Lourdes:
Giornata dell’ammalato

Alle 10.30 A San Pietro Martire e
Alle 15.30  A San Donato
verrà recitato il Santo Rosario segue la celebrazione della Santa Messa, durante la quale   verrà Impartito il sacramento dell’unzione degli infermi L’unzione degli infermi verrà anche celebrata  in casa di coloro che non possono partecipare in Chiesa 
chi desidera riceverlo deve richiederlo a Don Carlo o a Don Nandino.

Gesu guarisce gli infermiPreghiera per i malati

Signore, accogli le preghiere e i lamenti
di coloro che soffrono e
di quanti si adoperano per alleviarne il dolore.
Tu che hai percorso la via del calvario
e hai trasformato la croce in segno

di amore e di speranza
conforta coloro che sono afflitti, soli e sfiduciati.
Dona loro:
la pazienza sufficiente per sopportare le lunghe attese
il coraggio necessario per affrontare le avversità
la fiducia per credere in ciò che è possibile
la saggezza per accettare ciò che è rimasto irrisolto
la fede per confidare nella tua Provvidenza.
Benedici le mani, le menti e i cuori degli operatori sanitari
perché siano presenze umane e umanizzanti
e strumenti della tua guarigione.
Benedici quanti nelle nostre comunità
si adoperano per accompagnare i malati
perché accolgano la profezia della vulnerabilità umana
e si accostino con umiltà al mistero del dolore.
Aiutaci Signore a ricordarci
che non siamo nati felici o infelici,
ma che impariamo ad essere sereni
a seconda dell’atteggiamento che assumiamo dinanzi alle prove della vita.
Guidaci, Signore,
a fidarci di Te e ad affidarci a Te.
Amen.

 

Panorama Theme by Themocracy