Tag articolo: appuntamenti

La Parola della Domenica

commenti Commenti disabilitati su La Parola della Domenica
di , 14 Aprile 2012

2ª di Pasqua – Della divina Misericordia
Prima Lettura (At 4,32-35) Un cuore solo e un’anima sola. 
Salmo Responsoriale (Sal 117) Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per  sempre. 
Seconda Lettura (1Gv 5,1-6) Chiunque è stato generato da Dio  vince il mondo. 
Vangelo (Gv 20,19-31) Otto giorni dopo venne Gesù.  È il giorno dopo il sabato. 

Gesù è appena risorto ed è apparso a Maria di Magdala che è corsa subito  a dare la lieta notizia agli Apostoli.  Eppure essi sono ancora increduli, la risurrezione non ha  ancora sbloccato le loro paure.  Le porte di casa sono sprangate, forse anche quelle del cuore.  In  ognuno di essi si mescolano, sovrapponendosi, i sentimenti più contrastanti e complessi: ansia,  eccitazione, tensione e paura.  È sempre lungo e complesso il percorso per raggiungere un’intelligenza  pasquale della fede, l’unica che abbia veramente un senso, l’unica capace di dare un senso  al nostro esistere: eppure, quante volte abbiamo dolorosamente sperimentato su noi stessi questo limite, un’oscurità percepita come soglia  invalicabile, chiusi in una strada senza sbocco.  In questi momenti, il nostro desiderio di farci annunciatori di una novità di vita si esaurisce  in un balbettio inconcludente e i nostri buoni propositi vengono frenati, come per la primitiva comunità di Gerusalemme, dalla scelta meno  rischiosa di una sorta di protezionismo spirituale e ci riduciamo così a vivere di ricordi e di nostalgia anziché affrettarci verso il rinnovamento.  Poi arriva inaspettato, e neppure bussa alla porta sprangata.  Non dice neppure “Guardatemi in volto, sono io?  “.  Non si fa riconoscere dal  suo viso, ma dalle sue ferite.  Per conoscere davvero un uomo o una donna occorre guardare le loro ferite, le loro fatiche attraverso le quali  passa l’amore di Dio.  “La pace sia con voi!  Come il padre ha mandato me, così io mando voi”.  L’atteggiamento fatalistico, la tensione  “religiosa” vissuta spesso come alibi per coprire un’impotenza è il problema del nostro essere cristiani oggi.  Ancora una volta il Cristo ci  allinea, se abbiamo la ventura di incontrarlo, su posizioni scomode.  Ci impegna a storicizzare il passaggio dalla morte alla vita (la Pasqua)  riconvertendo questo evento in modello dinamico di autocomprensione della comunità cristiana nel suo rapporto con il mondo. 

Prosegui la lettura 'La Parola della Domenica'»

E’ Pasqua, ripartiamo

commenti Commenti disabilitati su E’ Pasqua, ripartiamo
di , 14 Aprile 2012

Carissimi,
le donne “entrate nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui”. Questo è l’annuncio primordiale, il Kerigma della nostra fede ovvero il suo cuore, il suo centro! I primi cristiani, infatti, erano soliti salutarsi così: “Il Signore è risorto, Alleluja”, proprio come l’Angelo il mattino di Pasqua ha salutato le donne giunte al sepolcro per ungere il corpo di Gesù. la Pasqua giunge anche quest’anno a rinvigorire la nostra fede, a dare speranza alle nostre vite, a rafforzare la nostra carità. Le donne, dopo un primo tentennamento, partirono subito a dare l’annunzio della risurrezione ai discepoli i quali a loro volta lo portarono a tutto il mondo giungendo fino a oggi! Siamo sempre un po’ tutti tentati d'”indossare le pantofole”, di vivere una fede abitudinaria e rassicurante che rischia però di diventare stanca e monotona. La Pasqua, invece, non ci consente di stare fermi, ci mette in moto, ci fa correre, imitando quella corsa di Pietro e Giovanni carica di emozione e gioia verso il sepolcro trovato vuoto e che quindi ci assicura che la morte è stata vinta dalla Vita e il male, la disperazione, la tristezza sono stati eliminati per sempre! “Il Signore è risorto”! Ripartiamo dunque “saziati dai sacramenti pasquali” con rinnovato entusiasmo e con la gioia nel cuore, capace di sussistere nonostante le prove, per portare l’Annuncio Pasquale nelle nostre case, nei luoghi di lavoro, tra i nostri amici, nella nostra comunità. Per tutti allora c’è la possibilità di ricominciare e ripartire vivendo appieno il tempo pasquale dei cinquanta giorni che si apre davanti a noi e che culminerà con la Pentecoste compimento della Pasqua!

Ecco di seguito i primi appuntamenti parrocchiali in questa prima settimana:

  • Lunedì 16 Aprile: riprende il percorso di catechesi per i bambini delle elementari
  • Giovedì 19 Aprile: ore 18.30 a San Donato, Catechisti Mamre 4
  • Venerdì a San Donato dopo la Santa Messa ricomncia il tempo della “Lectio Divina”
  • Adorazione eucaristica permanente :  San Pietro Martedì dalle 8 alle 12, San Donato Venerdì dalle 15 alle 19
  • Ricominciano i Gruppi di Ascolto: da questa settimana ripartono per l’ultima tappa i Gruppi di Ascolto della Parola sulla lettera di san Paolo ai Galati. Il calendario nell’agenda della settimana

Celebrare e vivere l’Avvento

commenti Commenti disabilitati su Celebrare e vivere l’Avvento
di , 26 Novembre 2011

Il tempo di Avvento è tempo di attesa, di conversione, di speranza: attesamemoria della prima ed umile venuta del Salvatore nella nostra carne mortale; attesa-supplica dell’ultima e gloriosa venuta di Cristo come Signore della storia e Giudice universale. Nelle prime due domeniche di Avvento domina così l’appello alla conversione attraverso la voce dei profeti e soprattutto di Giovanni Battista: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino! » (Mt 3, 2). Tuttavia, essa è allietata dalla speranza gioiosa che la salvezza già operata da Cristo e le realtà di grazia già presenti nel mondo giungano alla loro maturazione e pienezza, per cui la promessa si tramuterà in possesso, la fede in visione: «Egli vi renderà saldi sino alla fine, irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo» (1 Cor 1,8). Le letture del tempo di Avvento, inoltre, hanno come una caratteristica propria: esse, infatti, si riferiscono alla venuta del Signore alla fine dei tempi (I domenica), a Giovanni Battista (II e III domenica) ed infine agli antefatti della nascita del Signore (IV domenica). Lasciamoci guidare dalla Parola di Dio in questo tempo forte, raccogliamo l’invito a Vigilare che con fa questa prima domenica, e attendiamo il Signore con libertà. I vari appuntamenti di preghiera che scandiranno il tempo d’Avvento, come le lodi, l’adorazione permanente, le sante Messe, non sono occasioni solo per alcuni o per chi ci va sempre, sono un appuntamento per tutti. Assieme al cammino spirituale c’è il cammino della carità, l’invito che riceviamo è di ricordarci di chi non ha la possibilità di vivere una vita dignitosa. Come ogni anno portiamo in famiglia la cassettina dell’avvento di Fraternità promosso dalla Caritas Diocesana e trasformiamo i nostri gesti di solidarietà in atti di aiuto concreto.

Venezia rinnova il voto alla Madonna della Salute

commenti Commenti disabilitati su Venezia rinnova il voto alla Madonna della Salute
di , 19 Novembre 2011

In attesa del nuovo Patriarca Venezia si appresta a rinnovare, in questi giorni, l’annuale pellegrinaggio cittadino alla Madonna della Salute. La festa – da sempre molto sentita ed accompagnata da una foltissima partecipazione popolare – risale a quasi quattro secoli fa, nel 1630, quando la Repubblica Serenissima fece voto di erigere una nuova chiesa – intitolata a “S. Maria della Salute” e affidata per la costruzione al Longhena – a conclusione della terribile pestilenza che minacciava di distruggere la città lagunare. Con il Patriarcato di Venezia tuttora “sede vacante” e in attesa della nomina del nuovo pastore che succederà al card. Angelo Scola, sarà l’Amministratore apostolico mons. Beniamino Pizziol a presiedere la messa solenne di lunedì 21 novembre, alle ore 10.00, nella Basilica della Salute a Venezia mentre a guidare il pellegrinaggio diocesano dei giovani in programma la sera di domenica 20 novembre, da S. Marco alla Salute, interverrà il vescovo di Concordia – Pordenone mons. Giuseppe Pellegrini. “Svolta obbligata… tornarono in cerca di Lui (Lc 2,45)”: domenica 20 novembre, dalle 18.00 e con ritrovo nella basilica di S. Marco, il pellegrinaggio dei giovani con mons. Giuseppe Pellegrini, vescovo di Concordia – Pordenone. “Svolta obbligata”: è il motto sintetico che la Pastorale giovanile diocesana ha scelto per l’edizione 2011 del pellegrinaggio alla Salute che si terrà la sera di domenica 20 novembre e che mette a te la necessità e l’urgenza di “ritornare a Gesù”. A guidare il pellegrinaggio sarà mons. Giuseppe Pellegrini, vescovo di Concordia – Pordenone e delegato triveneto alla Pastorale giovanile, in passato anche vicario generale nella diocesi di Verona e direttore dell’Ufficio nazionale cooperazione missionaria della Cei. “Fa sempre da sfondo, negli appuntamenti di quest’anno della Pastorale giovanile, il tema della strada e del camminare, tratto dal brano evangelico dei discepoli di Emmaus che il Papa ha commentato a maggio nel Parco di S. Giuliano”, spiega il coordinatore della Pastorale giovanile don Renato Mazzuia.

Prosegui la lettura 'Venezia rinnova il voto alla Madonna della Salute'»

Appuntamenti con “Noi del Patronato”

commenti Commenti disabilitati su Appuntamenti con “Noi del Patronato”
di , 12 Novembre 2011

Patronato S. Pietro Martire – Calendario dei prossimi appuntamenti per ragazzi e adulti

  • Domenica 13, 20 e 27 Novembre
    – Costruiamo Burattini
  • Domenica 4 Dicembre
    – Il dolce di San Nicolò
  • Domenica 11 Dicembre
    – Lanterne e addobbi natalizi
  • Ogni Domenica
    – Ore 15.00  Ludoteca
    – Ore 16.00  Laboratori

Cerchiamo sempre persone volonterose

Riprendono i gruppi di ascolto

commenti Commenti disabilitati su Riprendono i gruppi di ascolto
di , 8 Ottobre 2011

Giovedì 13 ottobre, con un incontro di preghiera alle ore 21.00 a San Donato, riprenderà anche il cammino dei Gruppi di Ascolto. Questa esperienza di “catechesi per Adulti” è diventata per tante persone un appuntamento significativo. Ci sarà anche una novità nel cammino, infatti alcuni appuntamenti saranno vissuti in modo comunitario e seguiranno le Catechesi del Santo Padre sulla figura di San Paolo. Infatti la Parola che farà da Guida al cammino di quest’anno sarà la “Lettera ai Galati. ” Inoltre il gruppo del martedì in patronato a San Pietro, seguirà le lettura della domenica, così sarà un aiuto per preparare la Celebrazione Eucaristica del giorno del Signore

Un doppio dono

commenti Commenti disabilitati su Un doppio dono
di , 26 Dicembre 2010

Carissimi fratelli e sorelle, siamo già a Natale.  Siamo giunti ormai a questo nuovo incontro con Dio. Questo è il primo e più importante dono che Dio desidera farci, un dono che ci offre per renderLo vivo, incarnato, nelle nostre vite,nelle nostre famiglie,nelle nostre comunità, nella nostra isola. Quest’anno nel tempo di Natale avremo modo di prepararci ancora a ricevere un dono ulteriore, la Visita del Patriarca Angelo.
Aver rimandato la sua visita in mezzo a noi, ci dà l’opportunità di prepararci con più intensità per ricevere il nostro Pastore con disponibilità e attenzione, rinnovo a tutti l’invito a partecipare e a vivere i vari appuntamenti. Assieme a Communio vi vengono recapitate: la lettera che proprio il Patriarca ci ha inviato per prepararci alla venuta del Papa, il 7-8 maggio, qui a Venezia, e una icona delle Deesis di San Marco, dono proprio del Patriarca Angelo a ricordo della sua visita Pastorale. Desidero prima degli auguri, ringraziare di cuore, tutti coloro che prestano un servizio pastorale e di catechesi nelle nostre due comunità.
Tanti auguri di un Santo Natale e di un nuovo anno nel Signore Gesù, in particolare ai nostri anziani e ammalati.

Don Carlo

La Visita Pastorale del Patriarca

commenti Commenti disabilitati su La Visita Pastorale del Patriarca
di , 27 Novembre 2010

Cara Comunità di Murano, care Famiglie, 

come già, spero, saprete nei prossimi giorni di dicembre,  sabato 4, domenica 5 e lunedì 6, il Patriarca Angelo sarà  qui a Murano per la Visita Pastorale.  Il venire del nostro Vescovo in parrocchia è l’espressione più  importante della sua guida Pastorale e del suo compito di garante  della porzione di Chiesa che il Signore gli ha affidato.  E per le comunità, che Egli visita, è l’occasione più significativa e importante del cammino  di fede che vivono.  Il Patriarca Angelo, infatti, verrà in mezzo a noi come successore degli Apostoli,  inviato dal Signore a confermarci nella fedeltà alla persona di Gesù Cristo, il Dio con  noi.  Viene per sostenerci nel cammino e per risvegliarla se essa fosse indebolita o accantonata  per gli affanni e le preoccupazioni della quotidianità.  Voglio fraternamente invitarvi a questo importante momento della presenza del Patriarca  in mezzo a noi, prendete bene visione degli appuntamenti che sono presentati  nelle pagine interne e non prendete paura, ma viveteli e partecipate. 

E’ importante poterci confrontare con il Patriarca, ascoltare la sua parola, lasciarci confermare  dalla sua guida nel cammino che stiamo facendo.  Vi aspetto e spero che non lasciate passare questo appuntamento.  Non è un occasione tra le tante.  Anche per Zaccheo quel giorno è stato fondamentale.  Poteva starsene a casa o al suo posto di lavoro, invece è andato lì sulla strada dove passava  Gesù.  Ha voluto salire liberamente sull’albero per rispondere concretamente al  desiderio che aveva dentro di vederLo, così ha incontrato il suo sguardo e ha potuto  ascoltare quella proposta rigenerante: “scendi, oggi devo fermarmi a casa Tua”, e il suo  cuore si è riempito di felicità. 

Fraternamente, Don Carlo Gusso

Appuntamenti vicariali in vista della visita pastorale

commenti Commenti disabilitati su Appuntamenti vicariali in vista della visita pastorale
di , 2 Ottobre 2010

Giovedi 7 Ottobre ore 20.30: 
Cconsiglio pastorale vicariale (casa dei  Gesuiti)
Aperto a tutti,  prendiamo il vaporetto delle 20.03 a Museo direzione Navagero

Sabato 9 Ottobre ore 17.00:
Iincontro vicariale dei Gruppi di Ascolto (chiesa San Canciano) 
Sono invitati tutti gli animatori e i partecipanti ai Gruppi di Ascolto.
Prendiamo il vaporetto delle 16.23 a Museo direzione  Navagero

Visita Pastorale nel vicariato di Cannaregio – Estuario

commenti Commenti disabilitati su Visita Pastorale nel vicariato di Cannaregio – Estuario
di , 18 Settembre 2010

Il primo vero e proprio appuntamento della Visita sarà  venerdì 24 settembre alle ore 18.00: celebrazione comunitaria vicariale  del sacramento della Penitenza, (chiesa di S.  Girolamo).  Guidata da mons.  Orlando Barbaro 

Appuntamenti col Patriarca

  • Giovedì 7 ottobre alle 20.30  con il Consiglio Pastorale Vicariale (Casa dei Gesuiti). 
  • Sabato 9 ottobre, ore 17.00  Incontro vicariale di Gruppi di Ascolto (chiesa S.  Canciano). 
  • Venerdì 22 ottobre, ore 20.30  Dialogo dei Giovani (18-25 anni) di tutta la Città ( S.  Giovanni Grisostomo). 
  • Sabato 23 ottobre, ore 17.00  Incontro vicariale dei Catechisti (chiesa S.  Marcuola). 
  • Sabato 6 novembre, ore 20.30  Incontro vicariale dei Giovanissimi (14-18 anni) (Patronato S.  Giobbe). 
  • Sabato 13 novembre, ore 17.00  Incontro vicariale dei Volontari con il Patriarca (Mensa “Betania”)
  • Sabato 20 novembre (tardo pomeriggio-sera)  Pellegrinaggio diocesano dei giovani alla Salute. 

Panorama Theme by Themocracy