Tag articolo: Chiesa

Pentecoste 2015

commenti Commenti disabilitati su Pentecoste 2015
di , 23 Maggio 2015

imagesVieni Santo Spirito, soffia con tutta la tua potenza e rompi gli ormeggi della tua Chiesa, spesso rassegnata dalla paura e prigioniera del mondo. Vieni sulla bocca del pastore, vieni come Maestro che parla al cuore e guida alla conoscenza di tutta la Verità. Invadi ogni angolo della terra come un’onda di piena: scendi come Spirito di pace nei luoghi di conflitto, come Spirito di misericordia nelle regioni dell’odio, come Spirito di libertà, dove l’uomo opprime l’uomo, credendosi padrone della storia. Rinnova i prodigi dell’Esodo, apri la via del mare perché chi fugge dalla morte possa trovare un approdo sicuro. Vieni, Spirito di discernimento e di coraggio, sulla nostra Chiesa diocesana, incerta e rassegnata; rendila credente, capace di amore fedele e appassionato, ricca solo di speranza. Apri il cuore dei giovani alla fiducia, rendi saldo l’affetto reciproco degli sposi e serena la vita familiare: che non manchi mai nelle nostre case il pane sulla tavola, e l’accoglienza del povero.

BETAO DANIELE

commenti Commenti disabilitati su BETAO DANIELE
di , 15 Maggio 2015

93527 danieleRicco commerciante della Carinzia, avendo nei suoi frequenti viaggi a Venezia contratto amicizia coi Camaldolesi di San Mattia di Murano, dei quali spesso era ospite, chiese di essere aggregato al loro monastero in qualità di oblato. Per vent’anni visse con quei religiosi, godendo della più ampia libertà per attendere ai suoi negozi. Una notte, mentre riposava nella sua camera, fu aggredito da alcuni assassini che lo strangolarono (1411). Sepolto, il suo corpo, ritrovato incorrotto, fu trasferito in chiesa ed esposto alla pubblica venerazione. Come comunità Muranese siamo stati invitati a recarsi nei luoghi in cui viene venerato. Per tanto a Settembre organizzeremo un pellegrinaggio a Pordenone per conoscere e condividere la stessa venerazione per il Beato Daniele

VI Domenica di Pasqua

commenti Commenti disabilitati su VI Domenica di Pasqua
di , 9 Maggio 2015

PasqA6-w2Letture: At 10,25-26.34-35.44-48; 1Gv 4,7-10; Gv 15,9-17

Tutto si risolve solo nell’amore
«In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui». Un tempo molti pensavano che la salvezza fosse ‘meritata’ dalle opere compiute. S.passava la vita ad acquistare meriti per assicurarsi il paradiso. E molti altri, tra i quali il nostro fratello Martin Lutero, leggendo in modo attento le Sacre Scritture, ci hanno fatto comprendere che la verità non era esattamente questa. «A nulla valgono le opere – dicevano –; ci si salva solo mediante la fede». Abbiamo impiegato un po’ di tempo, con dispute infinite e con divisioni laceranti, e alla fine abbiamo ammesso che doveva essere proprio così. Ma abbiamo cambiato solo il vocabolario, non la comprensione della questione. Molti continuano a pensare la fede come ad un’opera. Tant’è che si diceva – e si dice ancora – «Io ho la fede, e dunque mi salvo; ma che ne sarà di coloro che non hanno la fede?

Prosegui la lettura 'VI Domenica di Pasqua'»

Catechismo degli adulti

commenti Commenti disabilitati su Catechismo degli adulti
di , 8 Maggio 2015

Presentazione Agli adulti, uomini e donne del nostro Paese, ai loro catechisti e alle comunità ecclesiali, i Vescovi italiani consegnano questo libro della fede, il catechismo

La verità vi farà liberi. Lo fanno con sentimenti di gioia e di gratitudine al Signore, sapendo quanto lungo e impegnativo è stato il cammino del testo, ed insieme nutrendo grande speranza per un suo diffuso e sapiente impiego nell’opera della nuova evangelizzazione. Di fronte a noi sono i bisogni di fede degli adulti italiani e le loro attese. Vivono e soffrono un tempo di cambiamento e di crisi, che tocca la globalità della vita, le verità fondanti, i valori etici elementari e coinvolge la stessa possibilità di pervenire a certezze di fede oggettive e universali. Eppure, anche in questo clima di incertezza e talvolta di smarrimento, non vi è per lo più un rifiuto preconcetto della componente religiosa dell’esistenza.

Prosegui la lettura 'Catechismo degli adulti'»

Giornata di sensibilizzazione al sostegno economico della Chiesa

commenti Commenti disabilitati su Giornata di sensibilizzazione al sostegno economico della Chiesa
di , 6 Maggio 2015

Alcune notizie Da molti anni la Chiesa Italiana propone di dedicare una domenica alla sensibilizzazione del popolo cristiano verso il sostegno economico della Chiesa consistente in: ·

Opere di Carità –

verso le Diocesi Italiane e verso il Terzo mondo; ·

Esigenze di Culto –

per le Diocesi Italiane, per le nuove Chiese e per nuove case canoniche al sud;

· Sostentamento del Clero –

verso i circa 38.000 Sacerdoti diocesani Italiani. Nel 1985 la legge 222/85 dava il via al rinnovo del Concordato Stato/Chiesa; i rapporti di finanziamento da parte dello Stato alle attività della Chiesa cambiavano e venivano fissati in modo chiaro per entrambi i Concordatari

Prosegui la lettura 'Giornata di sensibilizzazione al sostegno economico della Chiesa'»

Tommaso, compagno d’incredulità, maestro della fede

commenti Commenti disabilitati su Tommaso, compagno d’incredulità, maestro della fede
di , 8 Aprile 2015

Pasqua 2, anno B

Con grande forza gli Apostoli davano testimonianza della Resurrezione del Signore Gesù.
Dare testimonianza della resurrezione è diventare un popolo che ha un cuore solo e un’anima sola, vincendo la frantumazione dei pensieri e l’affermazione orgogliosa della propria individualità, che ci separa e ci divide dai fratelli. Se Gesù è risorto, non viviamo più per noi stessi, ma per colui che ha dato la vita per noi. In Gesù risorto apparteniamo gli uni agli altri. Diventiamo un corpo nel quale batte un cuore solo. Respiriamo con il medesimo soffio dello Spirito “la cui gioia segreta sarà sempre lo stabilire la comunione e il ristabilire la somiglianza, giocando con le differenze” (Frére Christian, monaco trappista, martire in Algeria).

Prosegui la lettura 'Tommaso, compagno d’incredulità, maestro della fede'»

Cacciata dei mercanti dal tempio

commenti Commenti disabilitati su Cacciata dei mercanti dal tempio
di , 8 Marzo 2015

cacciata_mercanti_tempioIII domenica di Quaresima Anno B  – Gv 2,13-25

Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e  Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio  gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là  seduti, i cambiamonete.  Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò  tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!».   I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà. Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose? ». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere? ». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.  Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

Prosegui la lettura 'Cacciata dei mercanti dal tempio'»

Nutrire il pianeta non sia solo uno slogan

commenti Commenti disabilitati su Nutrire il pianeta non sia solo uno slogan
di , 1 Marzo 2015

La Stampa, 15 febbraio 2015 – di ENZO BIANCHI

La febbre per l’Expo di Milano è salita, e grande è l’attesa per la kermesse, intensa la sua preparazione: ormai è presentata ogni giorno di più come il grande evento, capace di mutare la sorte del nostro paese e del nostro futuro. Dai diversi annunci quotidiani di iniziative e incontri culturali tutto sembra nuovissimo e inedito: si è portati a credere che si stia andando verso un evento escatologico. Anche l’area cattolica si è mobilitata e, come quasi sempre succede, lo sta facendo per lo più appiattendosi sui percorsi più facili e imitandone lo stile, nella speranza di ottenere la stessa performance che eccita tutti. Ormai, lo dico con tristezza, anche la pastorale si è piegata ai temi dell’Expo e perfino nelle omelie domenicali si affrontano quegli argomenti anziché annunciare il vangelo.

Prosegui la lettura 'Nutrire il pianeta non sia solo uno slogan'»

Ascoltate lui, il Figlio amato!

commenti Commenti disabilitati su Ascoltate lui, il Figlio amato!
di , 28 Febbraio 2015

ii domenica di quaresimaII domenica di Quaresima, anno B – Mc 9,2-10

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Prosegui la lettura 'Ascoltate lui, il Figlio amato!'»

Per non dimenticare

commenti Commenti disabilitati su Per non dimenticare
di , 29 Gennaio 2015

ebrei Marcel Callo 6/12/1921, Rennes (Francia). 19/3/1945, Mathausen (Germania). 23 anni

A Mauthausen, il 19 marzo 1945, spirava Marcel Callo, scout e martire. Il Papa Giovanni Paolo II lo ha solennemente proclamato “beato”, in San Pietro in Roma, il 4 ottobre 1987: unoScout de France, Marcel Callo. Marcel Callo, quando era un giovanissimo Scout de France Al di là della notizia, un giovane, Marcel Callo, morto santamente in un campo di sterminio tra i più terribili, Mauthausen, la sera del 19 marzo 1945, a non ancora 24 anni. Era stato portato in Mauthausen dal lager di Flossemburg, e qui dal lager di Gotha, e qui dal campo di lavoro di Zella Mehlis, con una sentenza di condanna; troppo cattolico, “zu vile Katholisch”: se non si fosse manifestato “troppo cattolico”, sarebbe probabilmente rimasto in un campo di lavoro, e le bastonate, gli estremi sfinimenti forse gli sarebbero stati risparmiati.

Prosegui la lettura 'Per non dimenticare'»

Panorama Theme by Themocracy