Tag articolo: cimitero

Discorso del Papa a Stasburgo

commenti Commenti disabilitati su Discorso del Papa a Stasburgo
di , 28 Novembre 2014

DISCORSO DEL SANTO PADRE AL PARLAMENTO EUROPEO
Strasburgo, Martedì 25 novembre 2014

Signor Presidente, Signore e Signori Vice Presidenti, Onorevoli Eurodeputati, Persone che lavorano a titoli diversi in quest’emiciclo, cari amici,

vi ringrazio per l’invito a prendere la parola dinanzi a questa istituzione fondamentale della vita dell’Unione Europea e per l’opportunità che mi offrite di rivolgermi, attraverso di voi, agli oltre cinquecento milioni di cittadini che rappresentate nei 28 Stati membri. Particolare gratitudine, desidero esprimere a Lei, Signor Presidente del Parlamento, per le cordiali parole di benvenuto che mi ha rivolto, a nome di tutti i componenti dell’Assemblea.

La mia visita avviene dopo oltre un quarto di secolo da quella compiuta da Papa Giovanni Paolo II. Molto è cambiato da quei giorni in Europa e in tutto il mondo. Non esistono più i blocchi contrapposti che allora dividevano il continente in due e si sta lentamente compiendo il desiderio che «l’Europa, dandosi sovranamente libere istituzioni, possa un giorno estendersi alle dimensioni che le sono state date dalla geografia e più ancora dalla storia»[1].

Prosegui la lettura 'Discorso del Papa a Stasburgo'»

Un servizio prestato con il cuore

commenti Commenti disabilitati su Un servizio prestato con il cuore
di , 10 Dicembre 2011

C’è una persona della nostra parrocchia,che da una vita si prende cura presso il cimitero della manutenzione delle tombe, che raccolgono i resti mortali dei sacerdoti muranesi e delle religiose che hanno svolto il loro ministero nella vita delle nostre comunità cristiane. Settimanalmente questa signora,animata da profondo zelo e umiltà,prende scopa,stracci e detergenti per dare decoro e lucentezza a lapidi e croci che che ricordano a noi tutti,volti e figure indimenticabili che hanno contribuito alla nostra formazione umana e cristiana. Mi sembra doveroso a nome di tutti ,ringraziarla di vero cuore per questo servizio che lei con puntualità e devozione svolge con solerzia e amore verso queste sepolture, in modo particolare quelle più dimenticate e abbandonate,che sarebbero purtroppo destinate all’incuria e al degrado del tempo. Termino questo appunto,con una breve ma significativa preghiera,che riassume con poche parole il motivo del nostro “servire in modo gratuito”. Il Signore ci renda capaci di un servizio, umile, semplice, discreto e soprattutto silenzioso. Un servizio conosciuto solo da Dio e che,giunta la sera, lascia sempre nel nostro cuore la sincera convinzione di essere stati servi inutili. Grazie Gina!  [ Gianluigi Bertola ]

Festa di Tutti i Santi

commenti Commenti disabilitati su Festa di Tutti i Santi
di , 23 Ottobre 2010

Lunedi 1° Novembre 2010 alle ore 15.00 in cimitero vivremo un momento di preghiera in commemorazione dei fedeli defunti

Ogni uomo è chiamato alla santità,  che “è pienezza della vita cristiana  e perfezione della carità, e  si attua nell’unione intima con Cristo,  e, in lui, con la Santissima  Trinità.  Il cammino di santificazione  del cristiano, dopo essere passato  attraverso la Croce, avrà il  suo compimento nella Risurrezione  finale dei giusti, nella quale Dio  sarà tutto in tutte le cose”  (Compendio del ccc, 428). 

1° Novembre, festa di tutti i Santi

commenti Commenti disabilitati su 1° Novembre, festa di tutti i Santi
di , 24 Ottobre 2009

Tutti i santiIn questa giornata importante per la Chiesa la nostra comunità la  festeggerà nella maniera più bella aggiungendo altri piccoli  fratelli alla grande famiglia di Cristo.  Celebreremo i battesimi di nella  celebrazione eucaristica : alle 9.  30 a San Donato  Furlanetto , Frare Mattia, Zennaro Mattia,  E alle 10.  45 a San Pietro  di Fuga Linda e Grandino Costanza 

Alle 15 in cimitero vivremo un momento di  preghiera in commemorazione dei defunti 

Lunedi’ 2 Novembre ricorderemo  tutti i nostri fratelli defunti,  particolarmente dell‘ ultimo anno

Un Ringraziamento…

di , 21 Novembre 2008

Un RINGRAZIAMENTO alle persone che si sono turnate nei giorni dei defunti, in cimitero, per la colletta della San Vincenzo. Sono stati raccolti 800 Euro.

Saranno utilizzati per aiutare i poveri che spesso suonano al campanello della Parrocchia.

Novembre: ricordo dei defunti

di , 7 Novembre 2008

Il mese di novembre, è tradizionalmente il mese dove maggiormente ricordiamo i fratelli e le sorelle che già ci hanno preceduto in cielo. La visita al cimitero, le sante messe, sono il modo concreto per chiedere al Signore di accoglierli tra le sue braccia misericordiose. Nelle nostre comunità, da diversi anni c’è anche una modalità comunitaria di pregare per i defunti: LA CONFRATERNITA DEI DEFUNTI.

Ogni mercoledì a san Donato,e ogni giovedì a San Pietro, nella messa, ricordiamo infatti tutti i defunti delle nostre comunità parrocchiali, quelli per i quali le famiglie, iscrivendoli, ne chiedono il suffragio,e anche quelli per i quali più nessuno domanda preghiere. E’ un modo famigliare di ricordarci di quanti hanno fatto un tratto di strada assieme a noi nel pellegrinaggio terreno, e diventa così anche un’occasione per sostare insieme nell’Eucaristia durante la settimana, per essere così sostenuti dalla Parola e dal Pane di vita, Gesù Cristo, nel cammino di ogni giorno che dalla morte delle persone care può essere più faticoso.

La speranza è che anche altre famiglie vivano questa possibilità di accompagnare con la preghiera i propri defunti, non solo iscrivendoli alla CONFRATENITA, ma anche partecipando alla Messa nella quale li ricordiamo.  Siamo convinti che quel legame d’amore che qui i terra ha dato gioia, sostegno, aiuto, diventi in Cristo Risorto fiducia che nella vita eterna i legami si rafforzano e prendono più significato. I parenti defunti sono così più uniti a noi di quanto possiamo credere, proprio perché Cristo il Vivente li rende presenti.

Una parola lasciatela dire anche per quanto riguarda i funerali. Spesso noi sacerdoti veniamo trattati come dipendenti delle imprese funebri, o veniamo a sapere della morte di qualcuno solo in modo occasionale. Chiediamo alle famiglie di informarci personalmente della morte dei propri cari, di decidere assieme a noi la data del funerale e di prepararlo con noi. Anche questo sarà un modo di ricordare il proprio parente con affetto, ci aiuterà ad accompagnarlo verso il cielo sostenendoci l’un l’altro, e pregando vicendevolmente per essere capaci di affrontare questo momento così intenso quale è la morte.

Don Carlo e don Nandino

 

Apri i nostri occhi, Signore, perché possiamo vedere te nei nostri fratelli e sorelle.
Apri le nostre orecchie, Signore, perché possiamo udire le invocazioni di chi ha fame, freddo, paura.
Apri il nostro cuore, Signore, perché impariamo ad amarci gli uni gli altri come tu ci ami.
Donaci di nuovo il tuo Spirito, Signore, perché diventiamo un cuor solo e un’anima sola, nel tuo nome.

Amen.
(Madre Teresa di Calcutta)

Ognissanti e commemorazione dei defunti o festa delle zucche?

di , 24 Ottobre 2008

Sabato e Domenica prossimi celebreremo due giornate da sempre vissute con intensità dalla Chiesa Cattolica, ma che in questi ultimi anni hanno lasciato il posto un’altra “festa” che di cristiano e religioso non ha nulla: Halloween.

“Halloween è il nome di una festa popolare di origine pre-cristiana, ora tipicamente statunitense e canadese, che si celebra il 31 ottobre. Tuttavia, le sue origini antichissime affondano nel più remoto passato delle tradizioni europee: viene fatta risalire a quando le popolazioni tribali usavano dividere l’anno in due parti in base alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre, preparandosi la terra all’inverno, era necessario ricoverare il bestiame in luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza alla stagione fredda: è questo il periodo di Halloween”, questo è quanto dice l’enciclopedia riguardo a questa festa che orami viene vissuta dai nostri ragazzi e giovani. Quello che più dispiace è che, come altre cose, anche questa è entrata nella nostra società spinta in modo quasi esclusivo dai mass media e dalla pubblicità.

MA PERCHE’ FARE LA FESTA DI HALLOWEEN E NON FESTEGGIARE TUTTI I SANTI? PERCHE’ ACCETTIAMO DI MANDARE I FIGLI IN GIRO VESTITI DA FANTASMI E SCHELETRI E ABBIAMO PAURA DI PORTALI AL FUNERALE DEL PARENTE CHE E’ MORTO?

Come cristiani dovremmo interrogarci su questo aspetto: abbiamo accettato tranquillamente che questa “festa” entrasse nelle nostre case, nelle nostre scuole, nei nostri ambienti di ritrovo e svago. Magari facciamo fatica a ricordare le festività dei Santi, o addirittura non si può in luoghi pubblici parlare del Natale, o lo facciamo in modo vuoto.

Questo è essere moderni?

Aver paura di parlare di CRISTO Morto e  Risorto per Amore nostro, della vita Eterna, della Risurrezione che ci è donata se crediamo, e giustificare queste paure vivendo  tradizioni che non ci appartengono?

Abbiamo lasciato che queste prendessero il posto del ROSARIO recitato assieme dalla famiglia nella preghiera dei parenti defunti alla sera dei Santi, della visita al Cimitero, del ricordarci che siamo chiamati tutti alla Santità, attraverso il battesimo, vivendo da cristiani ogni giorno della nostra vita.

Viviamo queste prossime feste  accogliendole come un dono che ci offerto per rinforzare il nostro cammino di conversione verso la santità, verso quel posto nel cielo che Gesù ci ha promesso se crediamo in Lui. 

Don Carlo

Panorama Theme by Themocracy