Tag articolo: conversione

Il Battesimo di Gesù è il “Nostro Battesimo”!!!!

commenti Commenti disabilitati su Il Battesimo di Gesù è il “Nostro Battesimo”!!!!
di , 11 Gennaio 2014

Battesimo-di-GesuSulle rive del Giordano, Giovanni Battista predica la conversione dai peccati per accogliere il regno di Dio che è vicino. Gesù scende con la folla nell’acqua per farsi battezzare. Il battesimo per i Giudei era un rito penitenziale, perciò vi si accostavano riconoscendo i propri peccati. Ma il battesimo che Gesù riceve non è solo un battesimo di penitenza: la manifestazione del Padre e la discesa dello Spirito Santo gli danno un significato preciso. Gesù è proclamato «figlio diletto» e su di lui si posa lo Spirito che lo investe della missione di profeta (annuncio del messaggio della salvezza), sacerdote (l’unico sacrificio accetto al Padre), re (messia atteso come salvatore) (cf prefazio).

Il battesimo di Cristo è il «nostro battesimo»
La redazione degli evangelisti tende a presentare il battesimo di Gesù come il battesimo del «nuovo popolo di Dio», il battesimo della Chiesa. Nel libro dell’Esodo, Israele è il figlio primogenito che viene liberato dall’Egitto per servire a Dio e offrirgli il sacrificio (Es4,22); è il popolo che passa tra la muraglia d’acqua del Mar Rosso e nel sentiero asciutto attraverso il fiume Giordano. Cristo è il «figlio diletto» che offre l’unico sacrificio accetto al Padre; Cristo che «esce dall’acqua» è il nuovo popolo che viene definitivamente liberato: lo Spirito non solo scende su Cristo, ma rimane su di lui «perché gli uomini riconoscessero in lui il Messia, inviato a portare ai poveri il lieto annunzio» (prefazio). Lo Spirito che non aveva più dimora permanente fra gli uomini (Gn 6,3) ora rimane sempre, per Cristo, nella Chiesa.
La missione di Cristo è prefigurata in quella del Servo sofferente di Isaia. Il «Servo di Iahvè» è colui che porta su di se i peccati del popolo. In Cristo che si sottopone ad un atto pubblico di penitenza, vediamo la solidarietà del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo con la nostra storia. Gesù non prende le distanze da un’umanità peccatrice: al contrario, vi si immedesima per meglio «manifestare il mistero del nuovo lavacro» (pref.) e i conseguenti impegni di azione apostolica che ne derivano per il discepolo.

Alla riscoperta del proprio battesimo
Nati e vissuti nella fede della Chiesa, i cristiani hanno bisogno di riscoprire la grandezza e le esigenze della vocazione battesimale. E’ paradossale che il battesimo, il quale fa dell’uomo un membro vivo del Corpo di Cristo, non abbia molto posto nella coscienza esplicita del cristiano e che la maggior parte dei fedeli non sentano l’ingresso nella Chiesa attraverso l’iniziazione battesimale come il momento decisivo della loro vita.
Il battesimo dato a noi nel nome di Cristo è manifestazione del preveniente amore del Padre, partecipazione al mistero pasquale del Figlio, comunicazione di una nuova vita nello Spirito; esso ci pone dunque in comunione con Dio, ci integra nella sua Famiglia; è un passaggio dalla solidarietà nel peccato alla solidarietà nell’amore. Una nuova sensibilità per il battesimo è stata suscitata nella Chiesa dallo Spirito: oggi più che mai, nelle comunità cristiane, si presenta la vita cristiana come «vivere il proprio battesimo»; e maggiormente si manifesta negli adulti il bisogno di ripercorrere le tappe del proprio battesimo attraverso un «cammino catecumenale» fatto di profonda vita di fede vissuta comunitariamente, legata ad una seria conoscenza della Scrittura.

Cristo nel Battesimo si fa luce, entriamo anche noi nel suo splendore; Cristo riceve il battesimo, inabissiamoci con lui per poter con lui salire alla gloria.
Giovanni dà il battesimo, Gesù si accosta a lui, forse per santificare colui dal quale viene battezzato nell’acqua, ma anche di certo per seppellire totalmente nelle acque il vecchio uomo. Santifica il Giordano prima di santificare noi e lo santifica per noi. E poiché era spirito e carne santifica nello Spirito e nell’acqua.
Il Battista non accetta la richiesta, ma Gesù insiste.
«Sono io che devo ricevere da te il battesimo» (cfr. Mt 3, 14), così dice la lucerna al sole, la voce alla Parola, l’amico allo Sposo, colui che è il più grande tra i nati di donna a colui che è il primogenito di ogni creatura, colui che nel ventre della madre sussultò di gioia a colui che, ancora nascosto nel grembo materno, ricevette la sua adorazione, colui che precorreva e che avrebbe ancora precorso, a colui che era già apparso e sarebbe nuovamente apparso a suo tempo.
«Io devo ricevere il battesimo da te» e, aggiungi pure, «in nome tuo». Sapeva infatti che avrebbe ricevuto il battesimo del martirio o che, come Pietro, sarebbe stato lavato non solo ai piedi.
Gesù sale dalle acque e porta con sé in alto tutto intero il cosmo. Vede scindersi e aprirsi i cieli, quei cieli che Adamo aveva chiuso per sé e per tutta la sua discendenza, quei cieli preclusi e sbarrati come il paradiso lo era per la spada fiammeggiante.
E lo Spirito testimonia la divinità del Cristo: si presenta simbolicamente sopra Colui che gli è del tutto uguale. Una voce proviene dalle profondità
dei cieli, da quelle stesse profondità dalle quali proveniva Chi in quel momento riceveva la testimonianza.
Lo Spirito appare visibilmente come colomba e, in questo modo, onora anche il corpo divinizzato e quindi Dio. Non va dimenticato che molto tempo prima era stata pure una colomba quella che aveva annunziato la fine del diluvio.
Onoriamo dunque in questo giorno il battesimo di Cristo, e celebriamo come è giusto questa festa.
Purificatevi totalmente e progredite in questa purezza. Dio di nessuna cosa tanto si rallegra, come della conversione e della salvezza dell’uomo. Per l’uomo, infatti, sono state pronunziate tutte le parole divine e per lui sono stati compiuti i misteri della rivelazione.
Tutto è stato fatto perché voi diveniate come altrettanti soli cioè forza vitale per gli altri uomini. Siate luci perfette dinanzi a quella luce immensa. Sarete inondati del suo splendore soprannaturale. Giungerà a voi, limpidissima e diretta, la luce della Trinità, della quale finora non avete ricevuto che un solo raggio, proveniente dal Dio unico, attraverso Cristo Gesù nostro Signore, al quale vadano gloria e potenza nei secoli dei secoli. Amen.

Papa Francesco pellegrino in Terra Santa

commenti Commenti disabilitati su Papa Francesco pellegrino in Terra Santa
di , 6 Gennaio 2014

PopeFrancis-22Mar2013-9-Copia-300x208mfront_terrasanta

A 50 anni esatti dal viaggio di Paolo VI, Papa Francesco ha annunciato ieri che sarà in Terra Santa alla fine di maggio. “Nel clima di gioia, tipico di questo tempo natalizio, desidero annunciare – ha detto dopo l’Angelus – che dal 24 al 26 maggio prossimo, a Dio piacendo, compirò un pellegrinaggio in Terra Santa”.
Francesco ha anche precisato che “le tappe saranno tre: Amman, Betlemme e Gerusalemme” e che “lo scopo principale è commemorare lo storico incontro tra il Papa Paolo VI e il Patriarca Atenagora, che avvenne esattamente il 5 gennaio, come oggi, di 50 anni fa”.“Presso il Santo Sepolcro – ha anticipato Francesco – celebreremo un Incontro Ecumenico con tutti i rappresentanti delle Chiese cristiane di Gerusalemme, insieme al Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli. Fin da ora vi domando di pregare per questo pellegrinaggio”.
Il viaggio del gennaio 1964 in Terra Santa, primo di un Papa dell’epoca moderna fuori d’Italia, e l’incontro a Gerusalemme con Atenagora, cui seguì l’abolizione reciproca delle scomuniche tra cattolici e ortodossi, rappresentarono per Paolo VI, che utilizzò personalmente questa espressione, “come un colpo d’aratro, che ha smosso un terreno ormai indurito ed inerte”, ha sottolineato in un editoriale il direttore dell’Osservatore Romano, Giovanni Maria Vian.
“Ci siamo abbracciati una prima volta, poi una seconda e di nuovo e di nuovo. Come due fratelli che si ritrovano dopo una lunga separazione”, commentò Atenagora. “Avete tutti compreso che il mio viaggio non è stato soltanto un fatto singolare e spirituale: è diventato un avvenimento che può avere una grande importanza a livello storico, il punto di partenza di nuovi, grandi avvenimenti, che possono essere altamente benefici per la Chiesa e l’Umanità”, disse Paolo VI alla prima udienza generale tenuta dopo il viaggio in Terra Santa del gennaio 1963.
L’evento storico successivo a quell’abbraccio fu la rimozione delle scomuniche reciproche, il 7 dicembre 1965, simultaneamente a Roma e al Fanar. Si poneva fine a dieci secoli di separazione e di penosi dissapori tra cristiani. Da allora molti gesti nella stessa direzione sono stati compiuti dai successori dei protagonisti di allora ma, lamenta Papa Francesco che in maggio si recherà a Gerusalemme con Bartolomeo I, odierno patriarca ecumenico, non si sono trasformati in ulteriori reali passi avanti verso l’unità dei cristiani: le differenze teologiche emerse all’inizio del secondo millennio restano, in particolare sul ruolo del successore di Pietro.
“A me spetta, come Vescovo di Roma, rimanere aperto ai suggerimenti orientati ad un esercizio del mio ministero che lo renda più fedele al significato che Gesù Cristo intese dargli e alle necessità attuali dell’evangelizzazione”, ha però ammesso Francesco nell’Esortazione Apostolica “Evangelii gaudium”, ricordando che “anche il papato e le strutture centrali della Chiesa universale hanno bisogno di ascoltare l’appello ad una conversione pastorale”.

S.Barbara, patrona di Marinai, artiglieri, vigili del fuoco e minatori

commenti Commenti disabilitati su S.Barbara, patrona di Marinai, artiglieri, vigili del fuoco e minatori
di , 3 Dicembre 2013

agia_barbaraNacque a Nicomedia nel 273. S.distinse per l’impegno nello studio e per la riservatezza, qualità che le giovarono la qualifica di «barbara», cioè straniera, non romana. Tra il 286-287 Barbara si trasferì presso la villa rustica di Scandriglia, oggi in provincia di Rieti, al seguito del padre Dioscoro, collaboratore dell’imperatore Massimiano Erculeo.

La conversione alla fede cristiana di Barbara provocò l’ira di Dioscoro. La ragazza fu così costretta a rifugiarsi in un bosco dopo aver distrutto gli dei nella villa del padre. Trovata, fu consegnata al prefetto Marciano. Durante il processo che iniziò il 2 dicembre 290 Barbara difese il proprio credo ed esortò Dioscoro, il prefetto ed i presenti a ripudiare la religione pagana per abbracciare la fede cristiana. Questo le costò dolorose torture. Il 4 dicembre, infine, fu decapitata con la spada dallo stesso Dioscoro, che fu colpito però da un fulmine. La tradizione invoca Barbara contro i fulmini, il fuoco e la morte improvvisa.

Prosegui la lettura 'S.Barbara, patrona di Marinai, artiglieri, vigili del fuoco e minatori'»

Evangelii Gaudium – la gioia del Vangelo

commenti Commenti disabilitati su Evangelii Gaudium – la gioia del Vangelo
di , 27 Novembre 2013

 

970969_495294930546179_846080279_nCinque capitoli, 288 paragrafi, più di centotrenta pagine. La prima esortazione apostolica di Papa Francesco, considerato che la Lumen Fidei uscita a giugno era la rielaborazione di un testo già scritto in gran parte da Benedetto XVI,  “Evangelii Gaudium”, consegnata simbolicamente domenica in occasione della chiusura dell’Anno della fede, è un testo programmatico. A dirlo è lo stesso Francesco, nelle prime righe del testo: “Ciò che intendo qui esprimere ha un significato programmatico e delle conseguenze importanti”. L’auspicio, aggiunge il Pontefice, è “che tutte le comunità facciano in modo di porre in atto i mezzi necessari per avanzare nel cammino di una conversione pastorale e missionaria, che non può lasciare le cose come stanno. Ora non ci serve una semplice amministrazione. Costituiamoci in tutte le regioni della terra in uno stato permanente di missione”.

Ecco alcuni spunti, importante sarebbe leggerla tutta e meditarla e passare all’azione…

Prosegui la lettura 'Evangelii Gaudium — la gioia del Vangelo'»

La Parola della Domenica

commenti Commenti disabilitati su La Parola della Domenica
di , 22 Aprile 2012

3ª di Pasqua
Prima Lettura (At 3,13-15.17-19) Avete ucciso l’autore della vita, ma Dio l’ha risuscitato
Salmo Responsoriale (Sal 4) Risplenda su di noi, Signore, la luce del tuo volto.
Seconda Lettura (1Gv 2,1-5) Gesù Cristo è vittima di espiazione per i nostri peccati e per quelli di tutto il mondo.
Vangelo (Lc 24,35-48) Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno.

Il nucleo del messaggio di questa terza domenica pasquale lo troviamo nel vangelo. “Le profezie dovevano avverarsi”. Cioè, tutto quello che era stato scritto nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi, circa il Messia, le sue sofferenze e la sua morte, doveva trovare pieno compimento in Cristo (Vangelo). Nella prima lettura, Pietro mostra la continuità tra il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe e il Dio che ha glorificato Gesù. Nessuna interruzione tra le promesse fatte da Dio e la realtà attuale; al contrario: un compimento esatto e perfetto del piano di Dio, del suo patto d’amore con gli uomini portato fino all’amore estremo (prima lettura). Grazie alla morte di Gesù e alla sua resurrezione abbiamo il perdono dei peccati. Egli è “vittima di espiazione per i nostri peccati” ci dice san Giovanni (seconda lettura). Lì dove si annuncia il mistero di Cristo, il mistero della sua morte e della sua resurrezione, si deve annunciare il perdono dei peccati e la necessità della conversione. In questa domenica leggiamo il testo del secondo discorso di Pietro, nel quale l’apostolo annuncia la resurrezione del Signore. La resurrezione di Gesù ci dice che Dio è fedele alle sue promesse. La resurrezione è il culmen verso il quale tendeva dall’inizio la storia della salvezza, si tratta del compimento pieno della rivelazione divina di Dio e del suo amore, e la liberazione definitiva prefigurata nella liberazione dalla schiavitù dell’Egitto. Nel vangelo, san Luca dice che Cristo risorto “aprì loro la mente all’intelligenza delle Scritture”. “Aprire la mente” significa comprendere che tutta la storia d’Israele trova il suo significato quando culmina nella passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo. Abramo e Mosè, David e i profeti, la speranza e l’esilio, a ogni cosa è assegnato il giusto posto e tutto si inquadra, alla luce del mistero pasquale di Cristo. Dio ha realizzato tutto il suo piano di salvezza e l’ha compiuto in un modo misterioso che va oltre tutti i nostri calcoli umani. Dio che aveva fatto l’uomo per amore, vuole restituire all’uomo la vita che questi aveva perso col peccato. Dio. Per realizzare quest’opera di redenzione, di restaurazione, sceglie una strada lunga e penosa: la sua incarnazione, la sua nascita, la sua vita, la sua passione, morte e resurrezione. Perciò, che la fedeltà di Dio alle sue promesse e il suo amore per l’uomo sia ciò che ci dà sicurezza durante il tragitto. Il Signore non ci ha abbandonati.

Prosegui la lettura 'La Parola della Domenica'»

Messaggio conclusivo dei vescovi alle comunità cristiane del nordest

commenti Commenti disabilitati su Messaggio conclusivo dei vescovi alle comunità cristiane del nordest
di , 22 Aprile 2012

Una Chiesa che annuncia Gesù Cristo salvezza e speranza dell’umanità Noi vescovi delle 15 Chiese del Nordest, che ad Aquileia abbiamo vissuto, insieme ai rappresentanti delle nostre comunità, nella gioia della Pasqua, l’esperienza di fede e di comunione del secondo Convegno ecclesiale, inviamo a tutti voi, nostri fratelli e sorelle nella fede un cordiale saluto di grazia e pace nel Signore risorto. Dopo 22 anni dal primo convegno, ci riamo ritrovati presso la Chiesa-madre di Aquileia per attingere dalla sorgente comune della fede ecclesiale una nuova linfa e per impegnarci – come ci ha esortato il papa Benedetto XVI – «per una nuova evangelizzazione del nostro territorio e consegnare alle generazioni future l’eredità preziosa della fede cristiana» (Discorso ad Aquileia 7 maggio 2011). Ci siamo sentiti in comunione con voi e vi ringraziamo per le preghiere con cui ci avete accompagnato in questi giorni. In un clima intenso di preghiera e di condivisione fraterna noi tutti, radunati ad Aquileia, abbiamo cercato di essere in ascolto di quello che lo Spirito dice, oggi, alle nostre comunità, e, insieme ascoltare le richieste, le aspirazioni ed i gemiti delle donne e degli uomini di oggi. Esprimiamo la nostra viva solidarietà ai poveri e a tutti coloro che soffrono più acutamente a causa della grave crisi economica e finanziaria. Ci siamo interrogati su come essere oggi testimoni di Cristo e dell’amore di Dio e come saperlo annunciare in un contesto culturale e sociale profondamente cambiato. Nella preghiera di lode abbiamo ringraziato il Signore per le tante opere di bene che ha ispirato e per la generosità di tanti cristiani impegnati nelle comunità. Ma abbiamo anche preso coscienza delle nostre debolezze e delle nostre manchevolezze, e per questo chiediamo sinceramente perdono a Dio e a tutti. Siamo consapevoli della conversione a cui siamo chiamati per essere Chiesa che annuncia Gesù Cristo, salvezza e speranza dell’umanità.

Prosegui la lettura 'Messaggio conclusivo dei vescovi alle comunità cristiane del nordest'»

La Parola della Domenica

commenti Commenti disabilitati su La Parola della Domenica
di , 21 Gennaio 2012

Prima Lettura (Gn 3,1-5.10) I Niniviti si con- vertirono dalla loro condotta malvagia.
Salmo Responsoriale (Sal 24) Fammi conoscere, Signore, le tue vie.
Seconda Lettura (1Cor 7,29-31) Passa la figura di questo mondo.
Vangelo (Mc 1,14-20) Convertitevi e credete al Vangelo.

Giona è chiamato a predicare la conversione nella città pagana  di Ninive.  La sua opera, voluta dal Signore, è efficace:  gli abitanti si convertono e Dio, abbandonati i propositi di  punizione, guarda con misericordia le loro opere.  Anche i  cuori malvagi di quegli uomini, tra i quali il richiamo di Dio è  arrivato inatteso e attraverso un uomo all’inizio neppure  troppo convinto della sua missione, si aprono al bene: la salvezza  di Dio è per tutti.  I nostri orizzonti devono aprirsi, accettare  che Dio entri nella nostra vita di sua iniziativa, capovolga  le nostre aspettative, ci chiami a cambiare radicalmente  le nostre prospettive. 
Ed ecco le vie del Signore invocate nel Salmo: misericordia, amore, bontà, giustizia sono i sentieri su cui ciascuno  di noi deve camminare sulle “orme” del Signore.  Senza starci a pensare troppo, però: l’urgenza del porsi sulla strada di Dio deve coinvolgere ciascuno di noi,  come ci ricorda Paolo.  Siamo sempre troppo dubbiosi, lenti, pigri, ancorati alle nostre sicurezze e abitudini.  Ma c’è una “buona notizia”, e Gesù comincia a proclamarla a tutti in un momento difficile, dopo l’arresto di  Giovanni.  Dio si è avvicinato all’uomo e ha un progetto: questa è già una notizia!  Ma chiede qualcosa anche  a coloro che la ascoltano: “convertitevi e credete nel Vangelo”; Dio all’inizio ci chiede di girare lo sguardo verso  di lui, di porci in ascolto della Buona Notizia, di crederci. 

Prosegui la lettura 'La Parola della Domenica'»

A cosa serve l’adorazione eucaristica?

commenti Commenti disabilitati su A cosa serve l’adorazione eucaristica?
di , 21 Gennaio 2012

Nei vangeli, ad un certo punto, si presenta Satana nel deserto che cerca di mettere alla prova Gesù; lo condusse con sé su un monte e gli mostrò tutti i regni del mondo e gli disse: “Tutte queste cose io ti darò, se prostrandoti, mi adorerai”. Satana vuole essere adorato. Noi non siamo qui sulla terra per fare gli idolatri, il Signore non ci ha dato la vita per andare ad adorare chi non ha potere. Il nemico sicuramente può crearci qualche ostacolo, metterci addirittura alla prova , oppure insinuare qualche tentazione piccola o grande. Se noi rimaniamo incardinati in Cristo, Cristo non permetterà che noi cadiamo, nella vita dei Santi, si nota che se il Signore permette una prova, questa è nella misura in cui serve, perché la fede deve essere affinata, cioè provata. Noi siamo su questa terra, perché tutti siamo chiamati alla santità e tutti dobbiamo rispondere a questa chiamata, anche se ci costa fatica dobbiamo arrivarci a qualunque sacrificio. La preghiera di adorazione significa innanzitutto questo: “Riconoscere che il Signore è l’unico vero Dio”. Soltanto di fronte a Gesù Eucaristia noi ci inginocchiamo, solo di fronte a Lui mettiamo la testa giù, perché veramente vogliamo ricordare a noi stessi, che non siamo nulla e che Lui è tutto. Noi nel prostrarci di fronte a Dio, inginocchiandoci e chinandoci diciamo con quei gesti, che c’è un nostro riconoscere che solo Lui ha potere sopra di noi. Durante l’adorazione, il Signore ci riempie di carica vitale, di forza, di gioia, stare con lui non è tempo perso, a volte non lo sappiamo quello che Dio fa per noi in quell’ora di adorazione ma è certo che non usciremo a mani vuote… dopo un’ora esci che sei completamente trasformato, non te ne accorgi subito, perché la sensibilità spirituale si acquisisce un po’ alla volta. Il Signore risveglia i suoi doni, i suoi carismi, stando in adorazione, si acquistano benefici spirituali, all’inizio potremmo anche non percepire fisicamente e spiritualmente i benefici, ma ci sono senz’altro.

Prosegui la lettura 'A cosa serve l’adorazione eucaristica?'»

Celebrare e vivere l’Avvento

commenti Commenti disabilitati su Celebrare e vivere l’Avvento
di , 26 Novembre 2011

Il tempo di Avvento è tempo di attesa, di conversione, di speranza: attesamemoria della prima ed umile venuta del Salvatore nella nostra carne mortale; attesa-supplica dell’ultima e gloriosa venuta di Cristo come Signore della storia e Giudice universale. Nelle prime due domeniche di Avvento domina così l’appello alla conversione attraverso la voce dei profeti e soprattutto di Giovanni Battista: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino! » (Mt 3, 2). Tuttavia, essa è allietata dalla speranza gioiosa che la salvezza già operata da Cristo e le realtà di grazia già presenti nel mondo giungano alla loro maturazione e pienezza, per cui la promessa si tramuterà in possesso, la fede in visione: «Egli vi renderà saldi sino alla fine, irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo» (1 Cor 1,8). Le letture del tempo di Avvento, inoltre, hanno come una caratteristica propria: esse, infatti, si riferiscono alla venuta del Signore alla fine dei tempi (I domenica), a Giovanni Battista (II e III domenica) ed infine agli antefatti della nascita del Signore (IV domenica). Lasciamoci guidare dalla Parola di Dio in questo tempo forte, raccogliamo l’invito a Vigilare che con fa questa prima domenica, e attendiamo il Signore con libertà. I vari appuntamenti di preghiera che scandiranno il tempo d’Avvento, come le lodi, l’adorazione permanente, le sante Messe, non sono occasioni solo per alcuni o per chi ci va sempre, sono un appuntamento per tutti. Assieme al cammino spirituale c’è il cammino della carità, l’invito che riceviamo è di ricordarci di chi non ha la possibilità di vivere una vita dignitosa. Come ogni anno portiamo in famiglia la cassettina dell’avvento di Fraternità promosso dalla Caritas Diocesana e trasformiamo i nostri gesti di solidarietà in atti di aiuto concreto.

Da Domenica 9 Ottobre nuovo orario delle Sante Messe festive

commenti Commenti disabilitati su Da Domenica 9 Ottobre nuovo orario delle Sante Messe festive
di , 1 Ottobre 2011

Un cambiamento perché…

Ore 8.00 e 9.30 a San Pietro – ore 11.00 a San Donato
Non so se a tutti è arrivata la notizia, forse ancora qualcuno non ha letto Communio della scorsa settimana, o forse non ha letto bene il resoconto dell’Assemblea Pastorale dove tra le altre cose sì è deciso di dare una periodicità all’orario domenicale delle Sante Messe. Il motivo principale parte dal fatto che già i momenti più importanti li celebriamo alternativamente in San Pietro o in San Donato, scansionandoli di anno in anno. Per esempio l’inizio dell’anno pastorale quest’anno si è celebrato a San Donato, perché l’anno precedente era stato celebrato a San Pietro, e così Prime Comunioni, Cresime, Pasqua, Palme ecc. Si è pensato che anche le messe centrali della domenica entrassero in questa scansione così che tutte e due le comunità cristiane potessero avere l’opportunità di una Messa celebrata in un orario centrale della domenica. Ma perché cambiamo l’orario delle Messe, perché cambiamo gli orari delle attività? Non c’è nessun gusto di fare confusione. Partiamo da un dato di fatto: a Murano oramai da 2 anni c’è un solo parroco. Questo può essere aiutato o meno da un altro sacerdote, ma ciò che è certo è che c’è lui solo. Allora anche gli orari delle S. Messe sono necessariamente legati a questo fatto. Se c’è un solo sacerdote egli deve avere la possibilità di poter celebrare le Messe senza l’affanno di dovere cercare altri sacerdoti che lo sostituiscano o di arrivare in ritardo alla celebrazione successiva. Ma c’è un secondo motivo che si fonda nell’esperienza di fede. Il Patriarca Angelo, come abbiamo già ricordato, ci ha detto nella Visita Pastorale che senza conversione la fede rimane una convenzione. La conversione, ne sono convinto, passa anche attraverso dei cambiamenti che all’apparenza sembrano senza senso. E per convertirsi non c’è un’età specifica, sempre è tempo di conversione. Sta a noi saperlo vivere. E’ vero non è facile accogliere un cambiamento, perché sembra che ci venga tolto qualcosa che ormai è “mio-nostro”, che davo per scontato. Il ritornello “abbiamo sempre fatto così” è uno slogan che ci atrofizza e ci rende poco disposti alla Conversione, al cambiamento verso una rinnovata adesione a Gesù che “non aveva neanche un sasso dove poggiare il capo”, cioè non cercava sicurezze che non fosse fare la volontà di Dio.

Don Carlo

Panorama Theme by Themocracy