Tag articolo: San Nicolò

San Nicolò 2011

commenti Commenti disabilitati su San Nicolò 2011
di , 10 Dicembre 2011

San Nicola di MyraOgni mattina co me svegio digo, “Signor so qua” e finora non el xe gà mai stufa,spero tanto non me succeda adesso  co voialtri, che signori son qua, veo digo na volta all’anno, al giorno de San Nicolò, ma no par presentarme, per  ringrasiarve tutti a nome dell’associasion par l avostra grande partecipassio.  Veder tanta zente qua sta sera vol dir  che non xe vero che a Muran xe drio andar remengo proprio tuto, anca le so bee tradission, ma che xe sempre vivo  sto atacamento e amor par sta bea isola che nonostante qualche diffetin la ne gà da sempre tanta soddisfassion e  tranquillità, anche se ogni anno xe vero i ne cava un tocheto: un ano e suore, un altro i frati, un anno un piovan,  sto anno mons.  Pizziol e adiritura, ma par el momento el Patriarca.  Speremo che ne resta almanco don Carlo, anca  perché penso che vogia na bea forza par spostarlo.  Ma per fortuna, che no tutti apressemo, par esser sinceri però  la gavemo, mi lo ciamo el jollj, perché stropabusi me par poco riverente, là ogni volta che i nostri preti gà problemi  par altri impegni el risponde sempre presente nonostante i so novanta anni che el compise giusto el giorno de  san Nicolò, tanti auguri a don Rino da parte del mio gruppo, della comunità e de tutta Muran un affettuoso applaauso  co tutte e nostre man. 

Prosegui la lettura 'San Nicolò 2011'»

Caro San Nicolò …

commenti Commenti disabilitati su Caro San Nicolò …
di , 18 Dicembre 2010

Me pareva un sogno, mesi e mesi de preparativi, la preghiera  che don Carlo ne faseva eser dopo ogni messa la gavemo  parfin imparada a memoria e sabo la bea notizia: nol vien!   Na volta se dizeva “scherzi da prete”, ma questo ze stà  un scherzo da “Patriarca”, ma noialtri continuemo a sognar, anzi  par concluder ben sta festa seremo i oci e femo finta che no sia  sucesso niente.  Par fortuna xè vegnio a salvarne el nostro amato  Vescovo Ausiliare Beniamino che ringraziemo co tuto el cuor, ma sò  sicuro che in sto momento anca el Patriarca xè qua presente col  pensier, par questo Eccelenza mi me rivolgerò a Ela come che el  fusse el Patriarca, ancà parché gavevo preparà el discorso una  setimana prima e mi no gò adesso la bravura de Gigi Bertola de  improvisar.  Anca sto anno so qua par far i ringraziamenti da parte del  Gruppo S.Nicolò, ma no me gera mai capità de scominsiar con na  persona cussì importante!  Ghe giuro, Eminensa, che sò un pocheto  emosionà.  Al primo momento, co la go vista, no credevo ai me oci,  dopo tanto che la gavemo desiderada, finalmente gavemo l’onor de  averla ala nostra festa, volevo parfin vegnirla tocar par esser sicuro  de no sognar!  Eminensa, nol pol gnanca imaginar quanta sodisfasion e  quanta carica el ghe dà in sto momento al nostro gruppo, ormai  ansian, che ogni anno xe là là par molar, e che grande onor xè par  tutti i nostri maestri, serventi e artigiani che contribuise, a veder  inaugurar dal Patriarca la mostra che, grasie e solo merito dele  magnifiche opere che i crea i ne permete de organizar.  Grazie a don Carlo per l’ospitalità, ai sacerdoti che gà  partecipà ala liturgia, e done che gà netà la ciesa e gà messo i fiori,  Marcato che dopo portarà el tradisional pan da benedir, tuti i presenti  e da novo i maestri, serventi, artigiani e paroni che risponde  sempre co generosità.  Fignìa la messa ghe sarà dà a tuti i putei presenti el famoso  sacheto coi bomboni de San Nicolò.  Anca chi gà qualche amalà a  casa vegna torghe un sacheto da portarghe, par farli sentir partecipi  ala festa e che S.  Nicolò se ricorda de tuti.  Adesso S.  Nicolò so qua da ti, vogio parlarte a tu par tu,  come se qua in ciesa fussimo soli, che no ghe fusse tuta sta gente!  Ti te ricordi el discorso de l’altro anno?  E preghiere che te  gavemo fato?  O no le te xè rivae o ti xè drio trascurarne un poco perché  ti gà massa lavoro, opur – e spero tanto de nò – ti xè drio perder  qualche colpo come mi!  No stame vegnir dir che gavemo poca pasiensa, te par che  no ghe ne gavemo?  No digo quanto bontà ma quanto pasiensa,  basta che ti vardi quanti anni che gavemo spetà el Patriaca… par  poco no rivava prima el Papa!    Ti credi che schersa?   Varda che el xè  rivà prima par pochi mesi.  Prima co te so passà vixin me xè vegnio  in mente co gero puteo, quante volte co gera la to festa vegnivo  romperte le scatole perché ti me portassi un zogatoleto, me ricordo  fasevo la spola, prima andavo all’emporio de Mariolino Crosara e  stavo là col naso petà su la vetrina par sceglierme el zogatolo,  dopo corevo in ciesa a inzenociarme davanti al to altar e spiegarte  quelo che me gavarìa piasso, ma me pareva domandar massa,  alora, tornavo a sceglierghene uno più picolo cola speransa che te  andasse ben!  Lo go fato par tanti anni che mi digo gà da esserghe ancora  i segni dei mii zenoceti sui scalini de l’altar!  Stavolta, invese, so qua par domandarte na roba granda,  ma nò par mi, par Muran: no pretendo el miracolo de veder rinaser  Francheti, le Conterie o i frateli Toso, nò, me basta che ti buti un  ocio ogni tanto su Muran e che ti daghi na bela supiada su le bronse  de le poche fornase che xè restà, in modo che resta sempre na  bela fiamma, perché el fogo xè segno de vita e fin che ghe xé vita  ghe xé speransa e speremo anca la volontà de tegnir viva Muran.  Un’ultima roba S.  Nicolò te prego: sgorline da dosso sta  benedetta crisi, fà un salto in fornasa e co una cana daghe un’altra  supiada, e supia, supia tanto da farla schiopar come le brombole de  vero che i fà par incantar i foresti, te prego S.  Nicolò, no farlo par  mi, ma falo par Muran, che te prega col cuor in man, non serve  subito sta sera, basta anca doman!  Grassie S.  Nicolò. 

Muran, 6 dicembre 2010 – Guido D’Alpaos

Rallegratevi !

commenti Commenti disabilitati su Rallegratevi !
di , 12 Dicembre 2010

 Rallegratevi sempre nel Signore: ve lo ripeto, rallegratevi,  il Signore è vicino.  (Fil 4,4.5) 
Sabato scorso quando ho sentito il Patriarca Angelo al telefono che mi diceva che non sarebbe venuto,  lo ammetto, ho avuto un attimo di smarrimento.  “E adesso, mi sono chiesto, tutto è pronto, tutti preparati  a questo appuntamento e come Guido D’Alpaos nei saluti a San Nicolò ci ha sottolineato, imparata quasi  a memoria la preghiera della visita Pastorale, cosa fare?  Sono bastate alcune telefonate e un invio di  tanti messaggi, alcuni nemmeno arrivati, e la notizia velocemente si è diffusa per l’isola.  Una notizia che  ha lasciato tutti mortificati, ma che ora ci chiede di proseguire nel cammino.  E’ vero che il Signore voleva metterci alla prova se siamo pronti, come ci invita questo tempo di avvento,  a saper accogliere il suo venire, che in questa occasione è stata la mancata presenza del Patriarca. 

Avevamo,  forse, dato molto impegno all’organizzazione, per altro importante, e alle cose tecniche.  Ora, che abbiamo questo tempo in più, lasciamo spazio ad una preparazione interiore e spirituale attraverso  la preghiera, i sacramenti e la carità fraterna.  Preghiera per chiedere al Signore di saper ascoltare  il Pastore che viene a confermarci nella fede; i sacramenti perché abbiamo bisogno di essere sostenuti  nel cammino che saremo chiamati a vivere seguendo il nostro Pastore: carità fraterna, per rendere concreta  questa Parola di Dio che il Patriarca Angelo verrà ad annunciarci con amore.  Ecco allora, Rallegriamoci, come ci invita questa terza domenica di avvento, perché abbiamo  un’opportunità nuova per poter convertire il nostro cuore a Dio, per far posto al Signore che viene, per  vivere da suoi figli in modo autentico.  Non lasciamo passare le occasioni che abbiamo e che ci saranno, dalle lodi all’adorazione, dalle preparazioni  delle liturgie alla domenica della carità, vivendo una messa feriale, per poter gioire davvero per  tutto l’amore che il Signore ci viene a donare, oggi, domani, sempre. 

Don Carlo

La Visita Pastorale è stata rinviata

commenti Commenti disabilitati su La Visita Pastorale è stata rinviata
di , 4 Dicembre 2010

Notizia dell’ultim’ora:   causa malanno stagionale Il nostro Patriarca è purtroppo costretto a rinviare la Visita Pastorale, la quale si terrà nei giorni di Sabato 15 e Domenica 16 Gennaio 2011.  
Rimane invariata la prevista festa per San Nicolò di Lunedi 6 Dicembre.

A lui i migliori auguri per una pronta guarigione.

Inizia il cammino

commenti Commenti disabilitati su Inizia il cammino
di , 18 Settembre 2010

Domenica prossima – 26 settembre – con la santa Messa a San Pietro alle ore 10.00   (la Messa delle 8 viene celebrata a San Donato e sono sospese quelle delle 09.30  e  11.00)  riprenderà  il cammino delle nostre comunità cristiane e consegneremo il mandato ai catechisti e animatori.  Questo anno pastorale avrà il suo momento importante e fondamentale con la Sosta  Pastorale che il nostro Patriarca Angelo vivrà con noi nei giorni 4-5-6 dicembre

La sua venuta in mezzo a noi è un occasione preziosa e importante per dare conferma al  cammino pastorale delle nostre parrocchie.  Il venire del nostro vescovo in mezzo ci ricorda  che se siamo comunità lo siamo solo come espressione della Chiesa Diocesana, di cui il Patriarca  è pastore, e siamo chiamati a seguire il suo magistero come educazione concreta al  Pensiero di Cristo. 
Ecco il programma della sua venuta: 

Sabato 4 Dicembre

  • Ore 15.00  Accoglienza a San Donato 
  • Ore 15.15  a San Donato:   incontro in chiesa con i bambini e i ragazzi dei gruppi Arcobaleno e  Mamre (elementari) i lupetti e le loro famiglie. 
  • Dalle 16.00  alle 17.30:  Visita agli ammalati sia di San Donato che di San Pietro. 
  • Ore 17.30  a San Pietro:  Incontro con i ragazzi dei gruppi Sichem (medie) e dopo Cresima e  scouts e le loro famiglie. 
  • Ore 18.30  a San Pietro: Incontro con l’Assemblea Parrocchiale in Chiesa, sono invitati tutti 

Domenica 5 Dicembre 

  • Ore 09.30  a San Donato:  S. Messa
  • Ore 11 : 00  a San Pietro S. Messa

Lunedi’ 6 Dicembre  – San Nicolò

  • Ore 16.30  Scuola Abate Zanetti:   incontro con gli operatori del settore Vetro 
  • Ore 18.00  a San Pietro:  Santa Messa e inaugurazione mostra

Un nuovo dono

commenti Commenti disabilitati su Un nuovo dono
di , 19 Dicembre 2009

NatalePuntuale arriva il Natale, non sbaglia giorno, non ritarda, anzi. 
Un Natale nuovo, un Natale che viene a rinnovare la nostra  vita personale e comunitaria.  Dio che si incarna nella nascita  di Gesù a Betlemme, ci annuncia ancora: “Dio desidera donare  se stesso per dare alla tua vita compimento”.  E’ questo il grande e nuovo dono, Dio stesso si fa uomo  per ciascuno di noi.  Sarà un nuovo Natale e porta con se novità :  *prima di tutto questa esperienza di cammino dall’Unità alla  Comunità Pastorale, cammino che cambierà sostanzialmente il  modo di vivere la nostra dimensione di parrocchia.  *Poi la centralità che desideriamo dare all’Eucaristia con la  realizzazione della Adorazione permanente, cioè la possibilità  di avere una mattina e un pomeriggio di ogni settimana, Gesù esposto nel santissimo  Sacramento per diventare punto di riferimento e centro vitale del cammino delle nostre  persone e delle nostre comunità.  *La preparazione alla Visita Pastorale del Patriarca Angelo che verrà tra noi il 4 e il 5  dicembre 2010.  Il 6 poi festeggerà con noi il patrono san Nicolò. 

Questa sua visita è la  visita del Pastore che ha a cuore il suo gregge.  Egli viene per confermarci nella fede e per  annunciarci quella Parola che da vita.  Nell’opuscolo che viene consegnato con questo  COMMUNIO, troverete tutte le date, fissiamole già nel calendario di casa, nelle agende  personali, nelle memorie dei cellulari, così potremmo partecipare e gustare con tutti i  fedeli della nostra diocesi, del nostro vicariato, della città lagunare, a questo incontro  con il Pastore che viene a raccogliere il suo gregge per accompagnarlo a pascoli sicuri e  buoni.  Questo è il mio augurio di Buon Natale e di un Nuovo Anno nel Signore, un augurio  per tutti, per i nostri ammalati e anziani e per chi lo vivrà da solo, per i giovani e i  ragazzi, per le famiglie, soprattutto quelle che soffrono. 

Aggiungo un grazie di cuore a tutti quelli, che in qualsiasi modo, si spendono nel servire  le nostre comunità cristiane e generosamente le fanno vivere. 

Auguri, don Carlo

San Nicolò e l’Immacolata Concezione della Vergine

commenti Commenti disabilitati su San Nicolò e l’Immacolata Concezione della Vergine
di , 5 Dicembre 2009

 Questa domenica ricorre la Festa di san Nicolò, che abbiamo anticipato a venerdì per il  tempo dell’Avvento che stiamo vivendo, martedì 8 dicembre celebreremo la Festa solenne  dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria.  Sono due feste che ci coinvolgono  in modo particolare. 

Vivarino: San NicolaSan Nicolò è il patrono del lavoro che contraddistingue la nostra isola nel mondo intero.  A lui ci siamo rivolti con il triduo vissuto nella settimana scorsa, devo dire con un po’ di  tristezza che è stato davvero poco partecipato, perché la situazione di tante aziende  non è certamente bella, e il futuro che si prospetta non è così roseo.  Certo tre sere sono  impegnative, certi argomenti non ci toccano direttamente, ma credo che siamo chiamati  ad educarci ad una solidarietà concreta, e tale solidarietà inizia dalla preghiera comune.  Trovarci a pregare non è perdere tempo o non affrontare i problemi reali del lavoro, è partire  dall’affrontare un problema lasciandoci indicare la strada da Chi il lavoro c’è l’ha dato,  Il Signore Dio.  In una delle sere abbiamo pregato così:

“Ti scopriamo, nostro Creatore,  un Dio che lavora: impasti, plasmi, costruisci, scavi, stendi, coltivi, pascoli, curi, pensi,  insegni.  Se tu lavori, allora ogni nostro lavoro dice qualcosa del tuo lavoro.  ”  Le parole di questa preghiera ci aiutano a capire dove si pone il nostro lavoro, e cioè dentro  il piano creaturale di Dio. 
La preghiera continuava così: ” Poni tra le nostre mani laboriose  il dono del creato, ci chiami a trasformarlo e a ricostruire l’armonia dell’intera creazione.  Custodendo e coltivando le opere del creato, ubbidendo alle indicazioni racchiuse  nelle cose, ci inseriamo nella tua attività creatrice, ne prolunghiamo lo slancio, la conduciamo al suo fine.  Ma il nostro lavoro, Signore, conosce anche il limite, la vanità, il peccato, l’ingiustizia.  Dona al nostro agire  di riflettere, come uno specchio, il tuo agire.  “

Questo limite del peccato è quello che purtroppo spesso ci  impedisce la condivisione e la solidarietà, per superalo possiamo solo ritornare al Signore che compie tutto  per il nostro bene, che ci dona tutto per Amore, anche quello che ha noi sembra  bene non ci faccia. 

3506650Martedì celebreremo la Vergine Maria, nella sua Immacolata Concezione, e questa  festa ci ricorda a quale fine siamo chiamati, cioè la pienezza della vita senza  relazione con il peccato, che avremo nella vita Eterna.  Il Signore Dio ci aveva  creato così, ma la nostra paura di essere Amati ci ha portati a crederci autosufficienti,  ma non è così, e quante volte lo proviamo. 

Maria in questa festa ci  ricorda che lasciarci Amare da Dio, ha il potere di ricomporre anche oggi la pienezza  della nostra natura.  Gustare questo Amore è possibile a partire da una  vita sacramentale fedele, è renderla storia nel condividere questo Amore con le  persone con cui viviamo ogni giorno in questo mondo, attraverso la Carità che  diventa condivisione e solidarietà. 

Don Carlo

Avvento, tempo di attesa

commenti Commenti disabilitati su Avvento, tempo di attesa
di , 29 Novembre 2009

“Quando cominceranno ad accadere queste cose,  risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra  liberazione è vicina.  ” (Luca 21) 

AvventoIn questi giorni sono già apparsi le prime pubblicità natalizie.  I soliti panettoni, la corsi ai regali e avanti così.  Se nei primi secoli la Chiesa aveva scelto la data del 25  dicembre per liberarla dalla festa pagana del “sole Invicto”  del sole nascente” per celebrare il Natale di Gesù, oggi si è tornati a consegnare ad un paganesimo  reale questa festa così familiare.  Con questa domenica inizia l’Avvento, tempo di attesa della venuta di Dio, inizio del nuovo anno liturgico  che per noi cristiani significa soprattutto cammino in Dio. 

L’ Avvento si caratterizza proprio per essere  un tempo in cui siamo invitati prepararci ad accogliere il Dio che viene.  Mi chiedo ma chi stiamo attendendo?  Quale Dio desideriamo che venga ad incontrarci?  Sentiamo  dentro di noi il desiderio profondo di salvezza?  O forse stiamo “troppo” bene così.  Il tempo di Avvento ci invita ad alzare “il capo perché la liberazione è vicina”.  Ma di quale liberazione ci  parla il Vangelo di questa prima domenica?   Di quella che ci vuole donare Cristo, il Dio con noi, che  proprio dall’ Avvento ci viene annunciato come il Veniente.  Cristo è colui che viene, e quindi è colui che  dobbiamo attendere “vigilanti”.  Gli strumenti per attendere senza stancarci ce li suggerisce la Chiesa:  *la Messa quotidiana, e’ l’incontro vivo con Gesù Cristo Parola e Pane di vita.  *la Preghiera più intensa e frequente, personale e comunitaria, ecco allora la proposta delle Lodi del  Mattino e del Vespero delle Domeniche.  *L’avvento di fraternità, perché dall’incontro con Cristo scaturisce una carità fraterna e concreta.  *Partecipare ai vari momenti formativi di catechesi e di ascolto della Parola. 

Non lasciamoci assorbire dalla “solita” modalità di vivere questo tempo così significativo, non accettiamo  la tentazione di pensare solo ai “regali”, alziamo il capo, guardiamo al cielo con umiltà, perché Il  Signore desidera tutto il bene per noi, vuole che tutti noi possiamo trovare la felicità, non chiudiamoci  nel “solito” modo di vivere la risposta di fede al suo Amore.  Siamo aiutati in questo anche la figura significativa di San Nicolò che festeggeremo in questa prima  settimana.  Chiediamo la sua intercessione per ricevere dentro di noi la carità che l’ha caratterizzato e  per viverla concretamente nelle nostre due parrocchie, in questa nostra isola. 

Don Carlo

Triduo in preparazione alla festa di San Nicolò

commenti Commenti disabilitati su Triduo in preparazione alla festa di San Nicolò
di , 29 Novembre 2009

Il 6 dicembre a Murano si festeggia San Nicolò, il patrono dei vetrai.  Conosciuto nel resto d’Italia come  San Nicola, fu vescovo di Myra in Turchia nel IV secolo d.  C.  Tra le molte leggende che lo riguardano, la  più nota racconta di quando avrebbe regalato tre sfere d’oro a tre fanciulle prive di dote, consentendo  loro in questo modo di sposarsi.  Per questo, a Murano come in altri luoghi d’Italia, si mantiene la tradizione  di scambiarsi doni il giorno di San Nicolò. 

Vivendo un momento delicato per Murano essendo il patrono dei vetrai abbiamo pensato di riunirci in 3  giorni di preghiera per preparaci alla festa che ci accompagnino e ci aiutino a fare chiarezza dentro la  realtà della nostra isola, tutti sono invitati 

  • Chiesa di San Donato,  Martedì 1 Dicembre ore 21.00:  Il lavoro per il Cristiano
  • Mercoledì 2 Dicembre ore 21.00:  Adorazione eucaristica 
  • Giovedì 3 Dicembre ore 21.00:  La risposta cristiana alla crisi di oggi
  • Venerdì 4 Dicembre ore 17.  30:  Santa Messa,  ore 18.  30 Inaugurazione della ” Mostra di San Nicolò “

Dall’unità alla Comunità Pastorale

commenti Commenti disabilitati su Dall’unità alla Comunità Pastorale
di , 15 Novembre 2009

Un’altra tappa del cammino: “Fare della Chiesa la casa e la scuola della comunione“: ecco la grande sfida che ci  sta davanti nel millennio che inizia, se vogliamo essere fedeli al disegno di Dio e  rispondere anche alle attese profonde del mondo.  (Giovanni Paolo II) 

Il 4 novembre u.  s.  alcuni di noi hanno risposto all’invito di don Carlo a partecipare alla seconda ASSEMBLEA  dell’UNITA’ PASTORALE di Murano.  Eravamo 21 [come ha notato uno dei presenti evidenziando, poi, che 18 erano di San Donato e 3 di San  Pietro ed invitando alla riflessione], eppure l’invito, fatto attraverso il notiziario Communio e durante tutte le  S.  Messe, era per tutti. 

Forse non era chiaro, perciò lo ridiciamo: TUTTI possono partecipare all’Aassemble dell’Unità Pastorale,  chi svolge un servizio pastorale e chi no, chi appartiene a gruppi [sposi, d’ascolto, AGESCI … ] e chi  no, giovani [graditissimi!!!  ], adulti e “non più giovani” …  Il treno è partito, ma si può salire anche alla prossima stazione. 

Che cosa è stato fatto?  Abbiamo letto insieme i paragrafi 42.  43.  44 della Lettera apostolica Novo Millennio Ineunte di Giovanni  Paolo II.  Le parole del papa ci hanno ricordato che tutto quello che facciamo “non può non ispirarsi al comandamento  nuovo [… ] «come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri»” e che prima di programmare iniziative  concrete e, a volte, fine a se stesse, “occorre promuovere una spiritualità della comunione, facendola  emergere come principio educativo“. 

Liberamente, poi, sono state offerte considerazioni e riflessioni personali.  Come potete ben capire, niente di clamoroso.  Nessuno di noi è andato in cerca “di cose grandi e superiori alle proprie forze” – come dice il Salmo 131 -,  ma ciascuno, con serenità e semplicità, ha applicato “l’arte del piccolo passo”.  Forse perché consapevole che un passo dopo l’altro verso la mèta è molto più efficace di una corsa sfrenata  e sfiancante.  Il futuro non ci deve spaventare e il presente va affrontato con fiducia, passione e vitalità perché abbiamo  un passato colmo di doni, di grazie e di bellezza. 

Gli appuntamenti prossimi che ci vedranno tutti impegnati saranno:  ·  Il tempo di Avvento, dove abbiamo pensato di celebrare con semplicità i Vesperi della Domenica e le  lodi alle 7.  30 del mattino dei giorni feriali, secondo un calendario che troveremo su Communio,  ·  Un triduo di preparazione alla Festa di san Nicolò che celebreremo venerdì 4 dicembre alle 17.  30 a  San Donato.  Il Triduo lo vivremo nelle serate del 1-2-3 dicembre alle 21 in Chiesa a San Donato.  Rimangono poi tutti gli appuntamenti di catechesi e di vita comunitaria già in atto. 

La prossima Assemblea sarà a San Pietro giovedì 16 dicembre alle 21.00.

Panorama Theme by Themocracy