Tag articolo: Chiesa

XXVIII domenica del tempo Ordinario, anno B

commenti Commenti disabilitati su XXVIII domenica del tempo Ordinario, anno B
di , 14 Ottobre 2015

, 11 ottobre 2015 Mc 10,17-30

XXVI-Domenica-T.O.-Anno-BMentre andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna? ». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!».

Prosegui la lettura 'XXVIII domenica del tempo Ordinario, anno B'»

SINODO PER LA FAMIGLIA 2015

commenti Commenti disabilitati su SINODO PER LA FAMIGLIA 2015
di , 9 Ottobre 2015

Fate-ponti-in-questa-società-dove-c’è-l’abitudine-di-fare-muri-500x354INTRODUZIONE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Aula del Sinodo Lunedì, 5 ottobre 2015 [Multimedia]

 

Cari Beatitudini, Eminenze, Eccellenze, fratelli e sorelle, La Chiesa riprende oggi il dialogo iniziato con la convocazione del Sinodo Straordinario sulla famiglia – e certamente anche molto prima – per valutare e riflettere insieme sul testo dell’Instrumentum laboris, elaborato a partire dalla Relatio Synodi e dalle risposte delle Conferenze Episcopali e degli organismi aventi diritto. Il Sinodo, come sappiamo, è un camminare insieme con spirito di collegialità e di sinodalità, adottando coraggiosamente la parresia, lo zelo pastorale e dottrinale, la saggezza, la franchezza, e mettendo sempre davanti ai nostri occhi il bene della Chiesa, delle famiglie e la suprema lex, la salus animarum (cfr Can. 1752). Vorrei ricordare che il Sinodo non è un convegno o un “parlatorio”, non è un parlamento o un senato, dove ci si mette d’accordo. Il Sinodo, invece, è un’espressione ecclesiale, cioè è la Chiesa che cammina insieme per leggere la realtà con gli occhi della fede e con il cuore di Dio; è la Chiesa che si interroga sulla sua fedeltà al deposito della fede, che per essa non rappresenta un museo da guardare e nemmeno solo da salvaguardare, ma è una fonte viva alla quale la Chiesa si disseta per dissetare e illuminare il deposito della vita.

Prosegui la lettura 'SINODO PER LA FAMIGLIA 2015'»

Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!

commenti Commenti disabilitati su Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!
di , 31 Luglio 2015

unnamedGv 6,24-35
24 Quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. 25 Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: “Rabbì, quando sei venuto qua? “. 26 Gesù rispose loro: “In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. 27 Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo”. 28 Gli dissero allora: “Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio? “. 29 Gesù rispose loro: “Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato”.

Prosegui la lettura 'Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!'»

17 Domenica del Tempo Ordinario

commenti Commenti disabilitati su 17 Domenica del Tempo Ordinario
di , 22 Luglio 2015

17e-B-67521_395x210Letture: 2Re 4,42-44; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15
Siamo tutti un unico corpo 1 «Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione». Chiamati a far parte della famiglia di Dio mediante il battesimo, siamo costituiti anche come un unico corpo, in Cristo Gesù. Da qui l’esortazione paolina a «vivere in umiltà, dolcezza e magnanimità, sopportandoci a vicenda nell’amore». Siamo tutti un unico corpo: abbiamo a cuore di conservare una comunione vera e profonda per mezzo del vincolo della pace. Proviamo a trarre delle conseguenze pratiche da tutto questo. S.siamo un unico corpo, significa che la fame del fratello è anche la mia fame, il freddo che sente nelle sue ossa è anche il freddo che indurisce le mie membra, il giudizio che gli cade addosso, perché diverso da me, perché straniero, ammalato, povero, è il giudizio mortificante che sento pesare anche sopra il mio capo. Possiamo anche cercare di obiettare: cosa possiamo fare noi, di fronte a tante ingiustizie, di fronte a tanto dolore e disperazione? Abbiamo solo venti pani d’orzo. Abbiamo solo cinque pani e due pesci. C’è poco nelle mani dei poveri, e quel poco rischia di non essere sufficiente per nessuno. «Il venti per cento della popolazione mondiale consuma risorse in misura tale da rubare alle nazioni povere e alle future generazioni ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere»

Prosegui la lettura '17 Domenica del Tempo Ordinario'»

Festa del SS.Redentore

commenti Commenti disabilitati su Festa del SS.Redentore
di , 19 Luglio 2015

Letture: Ez 34,11-16; Rm 5,5-11; Gv 3,13-17
Anche la Chiesa deve invocare guarigione

La festa più sentita dai veneziani è quella del Redentore. La grande epidemia di peste del 1575, che investì tutta l’Italia, fece a Venezia cinquantamila vittime. Vista l’inutilità di ogni rimedio, il doge esortò il popolo a pregare e deliberò la costruzione di un tempio votivo dedicato al Redentore non appena la pestilenza fosse terminata. S.decretò che la terza domenica di luglio, mese in cui il morbo cessò, fosse per sempre dedicata al pellegrinaggio di tutta la città al tempio votivo, costruito poi da Andrea Palladio.

Prosegui la lettura 'Festa del SS.Redentore'»

Solo l’amore di Cristo può possedermi fino in  fondo

commenti Commenti disabilitati su Solo l’amore di Cristo può possedermi fino in  fondo
di , 19 Giugno 2015

12° Domenica del Tempo Ordinario (anno B)

Letture: Gb 38,1.8-11; 2Cor 5,14-17; Mc 4,35-41

Ges e la tempesta sedata«Se.uno è in Cristo è una nuova creatura». Me la ricordo bene questa parola, perché ha determinato la conversione della mia vita. I lettori mi scuseranno se, allora, parlerò un poco della mia storia, ma lo faccio solo nella speranza di dare concretezza alla Parola della Scrittura. Molti sapranno degli avvenimenti che segnarono la fine degli anni sessanta del secolo scorso. Era appena terminato il Concilio, nato dalla profezia di papa Giovanni, che voleva un profondo rinnovamento della Chiesa, affinché fosse in grado di dialogare con la modernità. Anche dal mondo delle università e delle fabbriche, da ogni luogo dove si guardava al futuro con uno sguardo di rinnovata speranza, dilagava come un’onda di piena, un irresistibile movimento popolare e giovanile che premeva a gran voce per il cambiamento rapido delle strutture e delle istituzioni.

Prosegui la lettura 'Solo l’amore di Cristo può possedermi fino in  fondo'»

11° Domenica del Tempo Ordinario (anno )

commenti Commenti disabilitati su 11° Domenica del Tempo Ordinario (anno )
di , 16 Giugno 2015

imagesLetture: Ez 17,22-24; 2Cor 5,6-10; Mc 4,26-34 «

Io innalzo l’albero bBasso» 1 «Camminiamo nella fede e non nella visione». Il brano di San Paolo che oggi viene proposto alla nostra meditazione sembra mettere in tensione due poli: da una parte «l’abitare nel corpo», e dall’altra «l’abitare presso il Signore». S.parla di lontananza, di esilio, e tutto farebbe pensare ad una corsa veloce verso una fine imminente, dove ogni realtà terrestre verrà assorbita nella visione di Dio. Come se la storia, con i suoi drammi e le sue tragiche domande, non esistesse. Come se fosse del tutto irrilevante fermarsi per strada per prendersi cura dell’ennesima vittima dei mercanti di morte. Abitare nella compagnia degli uomini, curvarsi sulle loro ferite, sarebbe come rinunciare a porre la questione del fine ultimo e del possibile approdo verso un al di là, un oltre, che travalichi gli stretti orizzonti degli affanni quotidiani e delle urgenze interminabili? Prosegui la lettura '11° Domenica del Tempo Ordinario (anno )'»

Discorso del Santo Padre all’AGESCI

commenti Commenti disabilitati su Discorso del Santo Padre all’AGESCI
di , 16 Giugno 2015

Piazza San Pietro – Sabato, 13 giugno 2015

Fate-ponti-in-questa-società-dove-c’è-l’abitudine-di-fare-muri-500x354Cari amici dell’AGESCI, buongiorno! Vi ringrazio di essere venuti così numerosi da tutte le regioni d’Italia a formare questa festosa presenza in Piazza San Pietro. Saluto il Capo Scout e la Capo Guida, l’Assistente Ecclesiastico Generale, i lupetti e le coccinelle, gli esploratori e le guide, i rover e le scolte, con le comunità-capi e i sacerdoti assistenti. Vi dirò una cosa – ma non vantatevi! -: voi siete una parte preziosa della Chiesa in Italia. Grazie! Forse i più piccoli tra voi non se ne rendono bene conto, ma i più grandi spero di sì! In particolare, voi offrite un contributo importante alle famiglie per la loro missione educativa verso i fanciulli, i ragazzi e i giovani.

Prosegui la lettura 'Discorso del Santo Padre all’AGESCI'»

Festa del SS.Corpo e Sangue di Cristo

commenti Commenti disabilitati su Festa del SS.Corpo e Sangue di Cristo
di , 6 Giugno 2015

corpo di cristo  Letture: Es 24,3-8; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26 Una Parola che è come un pane per nutrire l’esistenza

1 «Mosè andò a riferire al popolo tutte le parole del Signore». All’inizio di quella complessa realtà che noi siamo soliti chiamare ‘Parola di Dio’ c’è dapprima una esperienza, una storia. C’è, per esempio, la vicenda esemplare di un uomo come Mosè, allevato alla corte del faraone, travolto dalla paura per aver ucciso un egiziano, fuggiasco nel deserto, pastore di un gregge che non gli appartiene, adoratore di quel Dio che era stato il Dio dei suoi antenati, scoperto oltre il deserto, in una fiamma ardente. A questo pastore viene affidato il compito di condurre alla libertà una massa di schiavi rassegnati e stanchi, capaci solo di levare al cielo rumorose grida. Ma sembra che Dio ascolti più il grido degli oppressi, che le devote preghiere senza storia e senza dramma, e Mosè accetta questo incarico perché Dio stesso gli ha parlato. Come e quando gli ha parlato? In una lingua a noi incomprensibile: «Vi furono lampi, unanuvola densa sul monte e un suono fortissimo di corno» (Es 19,16). E ancora: «Il monte Sinai era tuttofumante…tutto il monte tremava molto.
Prosegui la lettura 'Festa del SS.Corpo e Sangue di Cristo'»

Spirito Santo

commenti Commenti disabilitati su Spirito Santo
di , 27 Maggio 2015

B-PENTECOSTE_html_7dd31daaSpirito di Dio, abbatti le alte torri del nostro orgoglio, le folli ideologie del pensiero unico, la tragica ingiustizia di una economia che uccide. Crea, o Spirito multiforme, con la moltitudine dei nostri linguaggi, una straordinaria sinfonia, che dona gioia e danza con le differenze. Spirito di mitezza e di pace, annulla i disegni degli uomini, rendi vani i progetti dei potenti, innalza, con il tuo vento impetuoso tutti gli umiliati della terra. Spirito di profezia riempi tutta la Chiesa e il mondo intero di santi e di martiri, incidendo nella loro carne il tuo prezioso sigillo, come seme di una nuova vita. Dona perseveranza a tanti nostri fratelli, perseguitati a motivo di Cristo. Che ancora i nostri anziani siano capaci di sognare albe di luce e i nostri giovani abbiano visioni che dilatano lo sguardo su spazi infiniti; allora una nuova creazione sarà possibile. Spirito di fortezza, intercedi per noi con il tuo soffio inesprimibile e insegnaci la preghiera dei figli. Spirito che estingui la nostra sete, dissetaci con l’acqua viva che sgorga dal costato di Cristo. Spirito Santo, che elargisci i tuoi doni in abbondanza, donaci ancora amore, gioia, pace; rendi miti i nostri cuori, abitati dalla violenza di Caino, insegnaci l’arte di vivere da fratelli. Quando il Vento avrà fatto il giro della terra in un turbine senza fine; quando il Fuoco, attraverso mille e mille lingue, avrà raggiunto e incendiato d’amore il cuore di tutti; quando la Parola, con voce di Tuono, avrà terminato la sua corsa, e il Pane avrà saziato con abbondanza la nostra fame, allora, finalmente, vedremo il volto di Dio e l’umanità diventerà una famiglia di figli e di fratelli. E, tersa ogni lacrima, spunteranno arcobaleni di pace.

Panorama Theme by Themocracy